Dior Haute Couture Primavera Estate 2023

Dior Haute Couture Primavera Estate 2023 “Black Women eccezionali”. Storia di Eleonora de Gray, caporedattore di RUNWAY RIVISTA. Foto per gentile concessione: Dior / Laura Sciacovelli / Adrien Dirand.

Collezione eccezionalmente noiosa di Christian Dior mostrata oggi durante la settimana della moda Haute Couture a Parigi. Maria Grazia Chiuri, Dark Trilli, direttore creativo di Dior, ha portato ancora una volta capi prêt-à-porter al runway dell'Alta Moda. Quanto sono diversi dal Collezione Haute Couture Primavera Estate 2022? Per niente diverso. Ancora una volta abbiamo visto semplici completi e abiti grigi e neri. In che modo questi look grigi si legavano alle biografie esposte sui muri di donne nere eccezionali, a cui era dedicata questa collezione? Nessun collegamento... Immagino totale, questi abiti grigi mi hanno ricordato gli abiti dopo la seconda guerra mondiale. Sicuramente mancava il collegamento.

Dior issued una sorta di manifesto, lodando Josephine Baker. Si merita tutto, ma non sono riuscito a trovare nemmeno un glitch o un'eco di questa persona meravigliosa, del suo stile o di qualsiasi altra cosa in questa collezione Dior. Non vedo il motivo di produrre una serie di capispalla casual, e poi provare ad attenersi alla storia scritta da qualcuno in Dior, che non ha mai visto la collezione, e in pratica non sa di cosa stesse parlando - solo riempiendo le pagine con il testo. È solo un vento, parole casuali attaccate agli abiti casuali. Dovremmo issue una sorta di dichiarazione ecologica, come “parlare di meno – pensare di più”, o “economizzare gli occhi e gli anni degli altri”, una sorta di dichiarazione?

1 Dior Haute Couture Primavera Estate 2023 Runway Magazine

2 Dior Haute Couture Primavera Estate 2023 Runway Magazine

3 Dior Haute Couture Primavera Estate 2023 Runway Magazine

Un artista Mickalene Thomas ha creato la serie di ritratti esposti sui muri di queste donne eccezionali nella storia americana.

“L'ispirazione per il processo creativo si è sviluppata attraverso la conversazione sull'importanza dei modelli di ruolo delle donne nere che hanno infranto le barriere razziali andando controcorrente e creando una nuova piattaforma per molti altri. Nella scelta di queste tredici fenomenali donne nere, attraverso i continenti, la considerazione era quella di ricercare un gruppo eterogeneo ed eclettico di donne con le probabilità contro di loro. In spazi che hanno tentato di rifiutare o ostacolare il loro successo, hanno perseverato con fiducia, eleganza, bellezza e talento. Tutti questi Noir est beau hanno raggiunto e compiuto imprese incredibili che meritano questa celebrazione degna di nota con un marchio come Dior.

Lena Horne una volta scrisse a Ophelia DeVore: “è vero che sapevi quanto può essere bello il nero prima che il concetto diventasse commerciale. Più significativamente, hai fatto qualcosa al riguardo. Da Donyale Luna e Naomi Sims, alcune delle prime supermodelle nere, a Dorothy Dandridge, la prima donna nera ad essere nominata per l'Oscar come migliore attrice, questo gruppo di donne rappresenta molti primati che hanno sfidato gli ostacoli posti sulla loro strada. È stata Helen Williams a essere una delle prime clienti di Ophelia DeVore nella sua agenzia di modelle, abbattendo le barriere razziali nella modellazione. È stata Hazel Scott a diventare la prima donna di colore a ospitare il proprio programma televisivo. È grazie alla loro determinazione e ai loro sacrifici, rompendo le barriere in TV, film, moda e attivismo sociale, che sono in grado di realizzare questo lavoro ed essere l'artista che sono oggi".

Mickalene Thomas

I ritratti realizzati da Mickalene Thomas rappresentano: Joséphine Baker, Diahann Carroll, Dorothy Dandridge, Marpessa Dawn, Ophelia DeVore, Lena Horne, Eartha Kitt, Donyale Luna, Josephine Premice, Hazel Scott, Nina Simone, Naomi Sims, Helen Williams.

4 Dior Haute Couture Primavera Estate 2023 Runway Magazine

5 Dior Haute Couture Primavera Estate 2023 Runway Magazine

6 Dior Haute Couture Primavera Estate 2023 Runway Magazine

Comunicato stampa

Per Maria Grazia Chiuri ogni sfilata haute couture è un'occasione per esplorare i complessi processi di pensiero legati a un capo costruito per un corpo. Il capo couture è un capo-corpo. Un corpo-casa. Un corpo-manifesto.

Questa collezione Dior primavera-estate 2023 è guidata da Josephine Baker, la cantante e ballerina afroamericana che lasciò gli Stati Uniti a metà degli anni '1920 per la cosmopolita città di Parigi, meta da sogno di artisti, scrittori e stilisti. Icona glamour, incarna la modernità di quegli anni, la trasgressione di stereotipi e pregiudizi, la commistione di culture ed esperienze condivise che animavano notevolmente il vibrante mondo del cabaret. Avendo
acquisita la cittadinanza francese, fu acclamata dall'Europa del dopoguerra e si esibì allo Strand Theatre e alla Carnegie Hall di New York, vestita alla francese, come le creazioni Dior che ne coronarono il carisma e il successo.

Le fotografie di Josephine Baker, la cui energia è enfatizzata dalla loro tonalità in bianco e nero, compongono una forma di biografia sartoriale (catturandola come ballerina, intrattenitrice, membro della Resistenza francese, attivista per i diritti civili degli afroamericani, umanista e universale benefattrice), la storia esemplare di un pioniere, un modello. Il camerino accogliente e intimo che precede il suo ingresso in scena è evocato da una serie di cappotti, che ricordano l'accappatoio, che nasconde e protegge.

Realizzati in velluto leggero, stropicciato e dinamico, oppure trapuntati, si aprono su capi di intimo in raso leggero che si trasformano essi stessi in protagonisti, i loro colori cipria e il nero reinterpretano in chiave contemporanea i classici degli anni '1950. I vestiti scivolano sul corpo e lo accarezzano. /n seta, in velluto, spesso con effetto stropicciato, un ritmo sincopato, che infonde vitalità al tessuto. Il ricamo è delicato. Piccole borchie argentate e paillettes occupano lo spazio e assorbono il runway luci per rifletterli sul pubblico. Frange sui toni dell'argento e dell'oro accompagnano e ingigantiscono la coreografia dei movimenti tratteggiati dal corpo.

I tailleur ei cappotti rendono omaggio ai tessuti maschili cari a Monsieur Dior. La lunghezza, sempre sopra la caviglia, rivela scarpe con tacco e suole imponenti. La messa in scena dello spettacolo dell'artista afroamericana Mickalene Thomas, celebra le donne nere e di razza mista, come Josephine Baker, che si sono evolute in potenti polene rompendo le barriere razziali e andando controcorrente. Svela il significato profondo di questa collezione e scuote la visione dell'haute couture, l'essenza della moda che può diventare un gesto radicale di consapevolezza del proprio valore e della propria forza.

Guarda tutti i look Dior Haute Couture Primavera Estate 2023



Inserito da Dior, Parigi, Francia.