Matty Bovan Autunno-Inverno 2018-19 Londra

















Matty Bovan collezione Autunno-Inverno 2018-19 presentata durante la settimana della moda a Londra. Nella sua prima mostra personale, Matty Bovan rivela più del mondo unico che ha costruito nei due anni trascorsi da quando è arrivato nel programma della London Fashion Week. Questo è un regno autonomo oltre il nostro tempo in cui il primitivo incontra l'ultraterreno, come se i manufatti lasciati da una civiltà perduta dell'età della pietra dal futuro fossero stati setacciati dal suolo da archeologi fuori dal mondo.

La direzione iniziale per la collezione è arrivata al designer quando si trovava in un'auto che guardava attraverso le brughiere del North Yorkshire al crepuscolo, che si estendeva intorno a lui per miglia. I sentimenti di romanticismo e isolamento che hanno suscitato attraversano tutta la collezione, ovviamente nei suoi colori marrone terroso e viola crepuscolare.

MATTY BOVAN di Runway Magazine Autunno Inverno 2018-19

Un'ulteriore influenza è arrivata dalla defunta nonna di Matty, il cui guardaroba di abiti in tweed ha ispirato direttamente sia le forme che i tessuti della collezione. Il controllo dei denti di segugio è ovunque, a volte come una stampa ma per lo più tessuto, a volte in una scala così ingrandita che inizia a trasformarsi in qualcos'altro completamente. La trama di questi tweed appositamente realizzati è esagerata con filati grossi che caratterizzano tutta la collezione fornita dagli sponsor dello spettacolo Wool and the Gang, ed è ulteriormente interrotta da elementi contrastanti intrecciati nel mix. I bordi sono lasciati irregolari: la versione tipicamente post-apocalittica del designer su un tessuto precedentemente primitivo e appropriato.

Il senso di ricchezza invocato da questi robusti tweed, è ulteriormente esaltato da taffettà, velluti e pellicce di orsacchiotti, seppur in modo fuori moda: le finte pellicce decorate con vernice nera ricordano non solo il visone ma anche il roadkill su un remoto viottolo di campagna. La rigida griglia del tweed è contrastata dal denim sbiancato, dove spruzzi organici suggeriscono cieli notturni pieni di galassie e aurora boreale.

Tornano le note firme di Matty Bovan: spalle squadrate, schienali a forma di pinna e scollature rettilinee; un uso liberale dell'uncinetto a rete; combinazioni sconcertanti di trame ruvide e levigate, di colori terrosi e luminosi. Ma in una deviazione dalla sua silhouette precedente, costruita da rettangoli lunghi e alti, la vita di questa stagione è stretta, seguendo la linea delle giacche di tweed di sua nonna, e i fianchi sono amplificati usando borse laterali con cinturino, curve jodhpur su pantaloni sartoriali e gonne a strati imbottito di tulle.

La stampa caratteristica della stagione, che appare anche sull'invito allo spettacolo, sembra un'immagine della NASA della superficie di Marte ma è in realtà presa da una fotografia di fango alla fine della strada dove Matty vive a York. Altrove, audaci stampe geometriche richiamano i tappeti dell'inquietante e isolato Overlook Hotel di Shining.

Per le collane, fili di perle - alcuni della collezione della nonna di Matty - sono abbinati a etichette per bagagli di plastica vuote e facce di argilla - fatte a mano come sempre dalla mamma di Matty - che ricordano gargoyle medievali e pitture rupestri del Paleolitico. Le perle sono inoltre presenti come elementi personalizzati sulle borse Coach, con il caratteristico motivo a "C" della casa di design di lusso.

I copricapo sono stati realizzati appositamente per Matty da Stephen Jones utilizzando palloncini avvolti in tulle, cuciti a passamontagna che richiamano il pratico abbigliamento invernale richiesto per le passeggiate al tramonto lungo le gelide brughiere.

Le scarpe e gli stivali con i tacchi alti sono realizzati da Gina, mescolando toni neutri con colori vivaci, utilizzando materiali olografici e persino i tweed personalizzati di Matty.

"Nelle stagioni precedenti, con l'avvicinarsi del giorno della sfilata, ho guardato la collezione e ho cercato di tirarla indietro dagli estremi a cui tendo ad andare". Matty commenta. "Ma questa volta non mi sono trattenuto affatto."

MATTY BOVAN di Runway Magazine Autunno Inverno 2018-19