Concorso fotografico per bambini-Tokei 2024 Vol.3 Parte 2

Concorso fotografico Kids-Tokei dei quarti di finale 2024 Vol.3 Collezione Hermes. Durante le riprese sono stati utilizzati giocattoli, vestiti, borse e accessori di Hermes. Foto: studi Kids-Tokei. Concetto creativo: RUNWAY RIVISTA.

Preparare il palcoscenico a Tokyo

Nel vivace cuore di Tokyo, dove la tradizione incontra l'innovazione all'avanguardia, Kids-Tokei ha aperto ancora una volta le sue porte a giovani sognatori provenienti da tutto il mondo. Il concorso fotografico per i quarti di finale 2024 Vol.3 si è svolto in un'atmosfera carica di entusiasmo e potenziale, offrendo a questi giovani talenti una piattaforma unica per mostrare le loro capacità in crescita.

Una partnership per i secoli

Il concorso è stato elevato da un'entusiasmante partnership con il prestigioso RUNWAY RIVISTA. Conosciuto per la sua influenza senza precedenti nel settore della moda, RUNWAY MAGAZINE ha portato la sua abilità creativa all'evento, aggiungendo uno strato di raffinatezza e riconoscimento globale. Questa collaborazione ha offerto ai giovani finalisti la straordinaria opportunità di comparire in una pubblicazione acclamata a livello internazionale.

La Collezione Hermes: Uno Sfondo Di Eleganza

Mentre l'attenzione è rimasta saldamente focalizzata sui talenti dei bambini, la Collezione Hermes ha svolto un ruolo fondamentale nella narrazione visiva. Il concorso prevedeva una selezione curata di giocattoli, abbigliamento, borse e accessori Hermes, che hanno aggiunto un tocco di lusso ed eleganza ai servizi fotografici. Lo spirito innovativo di Kids-Tokei ha dato vita a una serie di splendide fotografie che hanno catturato l'essenza dell'esuberanza giovanile e dell'alta moda.

Catturare espressioni autentiche

La filosofia di Kids-Tokei è incentrata sulla cattura della vera essenza di ogni bambino, evidenziandone la personalità e i sogni unici. La competizione di quest'anno non è stata diversa. I servizi fotografici, condotti presso gli studi all'avanguardia Kids-Tokei, miravano a rivelare le espressioni e le storie autentiche dei giovani partecipanti. Ogni fotografia non era solo un'immagine ma una narrazione, intrecciata con le aspirazioni e l'individualità dei bambini.

Celebrare la diversità e i sogni

Uno degli elementi salienti del concorso di quest'anno è stata la celebrazione della diversità e dell'inclusività. Bambini-Tokei e RUNWAY MAGAZINE sono entrambi impegnati a mettere in mostra talenti provenienti da tutti i ceti sociali, abbattendo le barriere e incoraggiando i giovani sognatori a perseguire le loro passioni. La collaborazione ha evidenziato la convinzione che la moda sia un linguaggio universale, che trascende i confini e unisce le persone attraverso la creatività e l’espressione.

Guardando al futuro

Mentre il concorso fotografico per i quarti di finale 2024 Vol.3 volgeva al termine, ha lasciato un impatto duraturo su tutti i soggetti coinvolti. I giovani partecipanti, vestiti con abiti raffinati di Hermes, non solo hanno acquisito un'esperienza inestimabile, ma hanno anche mosso i primi passi verso una potenziale celebrità. Le fotografie, presto presenti RUNWAY MAGAZINE, testimoniano il loro talento e determinazione.

Questa collaborazione tra Kids-Tokei e RUNWAY MAGAZINE ha stabilito un nuovo punto di riferimento per i concorsi di moda per bambini. Sottolinea il potere delle partnership creative nel coltivare la prossima generazione di icone della moda. Con il successo di questo evento, il futuro sembra luminoso per questi giovani talenti, che ora hanno la fiducia e la visibilità necessarie per inseguire i propri sogni sulla scena globale.

In conclusione, il Kids-Tokei e RUNWAY La partnership con MAGAZINE non solo ha messo in mostra la genialità dei giovani modelli, ma ha anche rafforzato l'idea che la moda è per tutti. È una celebrazione dei sogni, della diversità e del potenziale sconfinato della giovinezza, catturati magnificamente attraverso l'obiettivo di una macchina fotografica.

Concorso fotografico per bambini-Tokei 2024 Vol.3 Parte 2



Inserito da Parigi, Quartier des Invalides, Francia.