Gabriela Hearst Primavera Estate 2023

















Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway. Storia di Eleonora de Gray, caporedattore di RUNWAY RIVISTA.

Gabriela Hearst, designer creativa del marchio francese Chloé, guida il proprio marchio Gabriela Hearst. Nel 2015, Hearst ha lanciato questo marchio. Il marchio è diventato noto per l'alta qualità e l'uso raffinato dei capi. Le collezioni sono caratterizzate da lavorazioni artigianali di qualità, materiali pregiati e innovativi, come il tessuto anti-radiazioni che scherma le radiazioni emesse dai telefoni cellulari, o la finissima lana merino da 14.5 micron e il lino trattato con aloe, un tessuto sostenibile e processo utilitaristico che ammorbidisce istantaneamente il lino e conferisce al tessuto la proprietà di idratare la pelle. Anche la produzione è molto attenta all'ambiente e alla sostenibilità, compreso l'utilizzo della lana proveniente dall'allevamento di pecore di Hearst in Uruguay, un ciclo produttivo end-to-end che aiuta a ridurre al minimo l'impatto ambientale.

Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine
Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine

A gennaio 2019, LVMH Luxury Ventures, il fondo lanciato dal colosso francese del lusso LVMH per supportare i marchi emergenti più talentuosi, ha investito in Gabriela Hearst, consentendo al marchio di espandere la propria presenza in tutto il mondo. Dalla creazione del fondo nel 2017, questo investimento è il primo di un'etichetta creativa.

Nel gennaio 2021 Hearst ha disegnato l'abito indossato dalla First Lady Dr. Jill Biden per l'inaugurazione presidenziale del 2021: un abito avorio che rappresentava il messaggio di unità della nuova amministrazione che era ricamato con ciascuno dei 50 fiori dello stato e quello della DC

Così per questa stagione Primavera Estate Gabriela Hearst ha presentato una collezione influenzata dai brand francesi e italiani. Possiamo facilmente individuare le sue ispirazioni: Jean Paul Gaultier, Louis Vuitton, Valentino. Questa collezione è il suo modo artistico di vedere l'ambiente e la sua riflessione sulle grandi città e comunità.

Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine
Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine

“Potresti non saperlo, ma l'antico poeta greco Saffo ha plasmato ciò che desideri. È lei che ti ha convinto che è meglio contemplare il movimento della luce sul viso di un amante che prendersi cura del potere. È lei che per prima ha riconosciuto l'amore come una forza agrodolce. È lei che ha capito che le persone che cercano il bene sono quelle che si rivelano veramente belle.

Saffo era un assaggiatore. Le sue parole hanno cambiato il modo in cui le persone vedevano il mondo perché cantava un mondo diverso, uno che privilegiava la conoscenza di sé, l'eros e l'inesauribile estasi della natura, persino la meraviglia della mela non apprezzata che arrossisce sulla punta di un ramo. Ha dato la priorità ai valori che sono diventati urgenti oggi, e lo ha fatto senza dimenticare di esplorare l'esasperazione degli umani contraddizioni.

Le poesie di Saffo non si limitano a ricordarci che la nostra faticosa ricerca di momenti allettanti non è incompatibile con il rispetto per l'ambiente. Hanno anche fatto luce sulle difficoltà che le donne hanno dovuto sopportare.

Dei nove libri che ha composto, solo una delle sue poesie sopravvive per intero. Il resto della sua produzione esiste solo in frammenti perché la misoginia non è un'invenzione recente. Ma anche quei pochi - pochissimi - versi sono così incandescenti da rivitalizzare il lettore più stanco. Quindi non sorprende che abbiano acceso l'immaginazione di coloro che hanno cercato di ricostruire il mondo, da Gertrude Stein a Julie Mehretu, da Natalie Clifford Barney a Judith Chicago".

Il professor Emanuele Lugli insegna storia dell'arte alla Stanford University e scrive di storia della pittura, genere, politica e scienza.


Il 5 aprile ho realizzato un collage astratto con oro e nero. Questa immagine era nella mia testa da alcuni giorni e sapevo che dovevo scaricarla. L'ho inviato al team sapendo che quelli sarebbero stati i colori a guidare la collezione. Il 2 maggio mia figlia mi ha chiamato per farmi sapere che sarà Saffo per Halloween. Io sonomediately ha chiesto "chi è Saffo?". La sua rapida risposta, "Ti aspetta una sorpresa mamma".


Il 19 maggio abbiamo fatto fare delle ricerche al professor Emanuele Lugli e ci ha tenuto una conferenza su Saffo. Era un tesoro per la mente. Il 22 maggio sono andato al Dia Beacon e ho visto il lavoro di Imi Knoebel. Mi ha ricordato immediately del collage. Non solo la forma astratta ma anche i colori nero e oro.


Questo mi ha mostrato che eravamo sulla buona strada e abbiamo iniziato a seguire i segni.. Ho letto "Se non l'inverno, frammenti di Saffo" affascinato ancora una volta da un artista e creatore che ha inventato e fatto tanto per la causa delle donne, venerato dai greci e Romani allo stesso modo e le cui opere esistono solo come frammenti. Mi chiedo se avrei sentito parlare di lei se fosse nata uomo. Ma ancora una volta la Speranza e la Gioia stanno nel fatto che Saffo viene scoperta di nuovo da un'altra giovane generazione femminile. Che uno spirito artistico come il suo trascende il tempo e appare quando ne ha più bisogno.


La "Decima Musa" ha alimentato il flusso di coscienza che passa e passa attraverso di me. Cominciarono ad apparire immagini di capi, e io li disegnavo o li dipingevo su quaderni, i miei strumenti per ogni collezione. I vortici che scarabocchio instancabilmente e che sono diventati un motivo costante nelle nostre collezioni, sono questa volta rappresentati nei ricami e negli uncinetti multicolori. Recentemente mi sono reso conto che rappresentano il vento e il movimento dell'aria. Basta guardare da vicino quando brucia una candela o un incenso, questi schemi ipnotici verranno rivelati.


La mia squadra è così leale e sono così grato per quella fiducia, vanno dove indico io.
Il 6 settembre, una settimana prima dello spettacolo, mi sono reso conto di quello che era appena successo. In un certo senso ho avuto un rifiuto atipico alla collezione. Non mi ero mai sentito prima. Poi quando gli occhi fidati di Camilla lo guardarono con affermazione, mi resi conto allora che questa volta avevo appena nuotato un po' più a fondo. C'è la vulnerabilità di sentirsi esposti ma, ancora una volta, non c'è nulla da nascondere.

Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine
Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine
Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine
Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine

IL CORO
Il Resistance Revival Chorus (RRC) è un collettivo di donne, e cantanti non binari, che si uniscono per infondere gioia e canto nella resistenza, e per elevare e centrare le voci delle donne. I membri del coro sono musicisti in tournée, attori cinematografici e televisivi, artisti di Broadway, artisti della registrazione solista, cantanti gospel, attivisti politici, educatori, registi, artisti e altro ancora, che rappresentano una moltitudine di identità, professioni, background creativi e cause attiviste. Il Resistance Revival Chorus è incentrato sulle donne nella musica e affronta il modo in cui le donne storicamente emarginate sono state nell'industria musicale.


"This Joy" (comunemente noto come 'This Joy I Have') è una canzone gospel scritta dal pastore Shirley Caesar.


TECNICHE READY-TO-WEAR E MAGLIERIA
Nappa sagomata dorata su pelle di vacchetta con bordi consumati a vivo in abiti e maglieria combinata. La pelle viene imbevuta di acqua e poi drappeggiata su una forma per creare ogni singolo pezzo.
Barre di metallo oro rosa personalizzate che incorniciano cappotti doppiopetto, blazer e abiti con dettagli
Pelle smock artigianale su corpetti aderenti con maniche strutturate a pinces
Ricamo artigianale vortice dorato su lino testurizzato. Il vortice è rappresentato anche nei pezzi di maglieria, meticolosamente lavorati a mano all'uncinetto in cashmere ispirati ai disegni di Gabriela.
Abiti in maglia con minuscoli punti materici a ciottoli, stampati con una lamina d'oro, utilizzando una colla a base d'acqua certificata eco
Poncho lavorati a mano in Uruguay, creando strisce con un grosso filato di cashmere e un fine filato di merino in mezzo.


ACCESSORI
Pepite d'oro


L'oro si forma nei depositi di quarzo nelle profondità della terra. Le pepite d'oro vengono spazzate via dall'erosione del "Mother Lode" e viaggiano lungo fiumi e torrenti. Il movimento dell'acqua fa cadere l'oro contro la sabbia e la roccia. Questo è ciò che conferisce a ogni pepita la sua forma e consistenza naturali. Più grande è la pepita, più è rara.
Cinture
Fibbie a cerchio personalizzate in oro rosa: pelle cognac e dettagli in smalto nero con pietra di luna, malachite, occhio di tigre e pietre di lapis al centro.


SCARPE
Sandalo Striker realizzato con plateau in EVA biodegradabile su suola in cuoio e dettagli multi-cinturini in pregiata pelle italiana in un ricco colore oro
Sandali infradito in rafia con suola plateau in EVA biodegradabile e sottopiede in ricco cuoio. La rafia è tessuta a mano da artigiani tradizionali in Marocco mentre le scarpe sono assemblate in una fabbrica tradizionale in Francia
Sandalo flatform e sabot con cinturini in pelle liscia su un flatform leggero con soletta in sughero. Il sughero è un materiale a basso impatto in quanto non si uccide l'albero ma si rade invece il tronco
Cork Plateau Gladiator incastonato su zeppe in sughero naturale
Sneaker Fontaina con suola in gomma naturale creata dal latte degli alberi di Hevea
Sandalo minimalista con cinturino con mini zeppa in sughero


BORSE
Borse Nina e Demi in pelle laminata oro
Borsa Phoebe impreziosita questa stagione con pezzi di metallo oro rosa
Diana con dettagli in pelle laminata oro
Borsa Treasure Chest con metà inferiore rivestita in pelle e due ante battenti fissate da magneti nascosti. I lati sfaccettati sono intarsiati con pannelli in pelle fissati tramite rivetti in oro rosa
Borsa strutturata in pelle con chiusura in oro rosa intarsiata con pelle e pietra howlite


PARTNER DI COMPENSAZIONE
Le emissioni di carbonio di questo spettacolo verranno rimosse attraverso Climateworks. Climaworks utilizza una tecnologia chiamata "cattura diretta dell'aria" per catturare l'anidride carbonica direttamente dall'aria. Quando l'aria rimossa viene combinata con lo stoccaggio sotterraneo, consente la rimozione permanente delle emissioni di CO2 in eccesso e legacy, che non possono più contribuire al cambiamento climatico.


Grazie a tutti i miei amici e alle persone incredibili che hanno partecipato a questo spettacolo.
In amorevole memoria di Joseph Karban (7/23/1954 – 9/08/2022)

Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine
Gabriela Hearst Primavera Estate 2023 New York Runway Magazine

Foto per gentile concessione di: Gabriela Hearst

Guarda tutti i look Gabriela Hearst Primavera Estate 2023



Inserito da New York, USA.