Jean Paul Gaultier in Cineteca

Jean Paul Gaultier in Cineteca. Intervista a Jean Paul Gaultier.

La settimana della moda di Parigi ha avuto diversi eventi a cui valeva la pena far parte. Uno di questi era l'apertura in Cineteca di una mostra organizzata da Jean Paul Gaultier. Questa meravigliosa storia parla dell'amore, dell'amore di Jean Paul Gaultier per il cinema.

Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE
Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE

La cineteca è un luogo di Parigi che racchiude molte meraviglie. Uno di questi è la collezione dei costumi, donata a questo museo da attori e registi. Questa collezione è meravigliosamente ricca di costumi fin dai film in bianco e nero. Pezzi estremamente rari conservati con cura negli archivi. È iniziato da Henri Langlois, pioniere della conservazione dei film, è stato una figura influente nella storia del cinema.

Jean Paul Gaultier ha fatto una selezione dei rari abiti e dei costumi dei film iconici, inclusi i costumi di stilisti come Paco Rabanne. Jean Paul Gaultier ha condiviso con noi il suo amore per il cinema e la collezione.

Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE
Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE

Intervista a Jean Paul Gaultier

Quello che posso dire è che per me è una gioia e un onore.
Sono sempre stato ispirato dal cinema. Se ho fatto moda è stato perché ho visto i film che mi hanno fatto venire voglia di fare moda.

Quando ero bambino, ho visto in televisione un programma chiamato “Le follie delle pastorelle”. Ero molto ispirato. Poi a 13 anni ho visto un film intitolato “Paris Frills (francese: Falbalas)” con Micheline Presle. La storia era davvero incredibile. Poi Micheline Presle, la star degli anni '1940, '1950, '1960, che ha realizzato molti altri film incredibili. Anche quando aveva 80 anni era incredibile.
Quindi è stata lei la persona che mi ha fatto dire dopo aver visto i suoi film: “Ehi, questo è il film, questo è quello che voglio fare. Voglio essere un couturier come il couturier che ha fatto questi vestiti. Farò la stessa cosa. Ed era la mia bibbia, era la mia scuola.
Non ho frequentato la scuola di moda. Tutto quello che ho fatto è stato guardare di nuovo, e ancora, questo film "Falbalas". Ho avuto la possibilità a 18 anni di entrare a far parte della casa di moda Pierre Cardin. E poi ho deciso di visitare la casa di moda Jean Patou che era in rue Saint Florentin. E mi sono detto che sono a “Falbala”.
Questo film è stato così eccezionale. In questo film ho visto un'immagine perfetta di quello che ho visto dopo nel cucito, nella moda. Quindi era tutto lì, ed era una sorta di verità della mia vita, la parte che mi ha reso il couturier.

Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE
Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE

Il motivo per cui questo film era così bello è perché Jacques Becker, il regista di “Falbala”, era molto amico di Marcel Rochas, un couturier, che inoltre (l'ho capito in seguito) ha realizzato i corsetti. Ero così ispirato dai suoi corsetti e vestiti-corsetto, che mi sono detto: "Ehi, eccolo!"
Quindi, se vuoi, è stato grazie a questo film che era un tale dipinto che sono diventato il designer.

E ovviamente sono sempre stato influenzato dal cinema. Il cinema è come la moda rappresenta ciò che accade nella società, nella vita. Sono una sorta di spirito del tempo, lo spirito del tempo che i registi, registi come Costa Gravas, riflettono nei loro film. E devo dire che noi, persone che lavorano nella moda, riflettiamo un po' della nostra società, raccontando storie su ciò che accade...
Economicamente, socialmente siamo il riflesso di ciò che sta accadendo nel mondo ad un certo punto. Dobbiamo far meravigliare le persone, dobbiamo evocare qualcosa di bello, e farle sognare.

Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE
Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE

Sono stato influenzato da molti film. Quindi in questa mostra vedrai ovviamente i miei inizi, i miei inizi nella moda.
Abbiamo lavorato a questa mostra per un anno. Sono rimasta un po' scioccata alcune volte durante la preparazione, anche se ho fatto delle scoperte nell'abbigliamento degli anni '30, e nei dettagli che rivelavano qualcosa che appartiene alla moda maschile.
Ad esempio, ti sto raccontando questa piccola storia perché non è in mostra.
Detto tra noi, la giacca da uomo ha una tasca interna (taschino) sul lato sinistro perché chiusa sul lato destro. Difficile, eh? Sulle giacche da donna non c'è, nessuna tasca. Per gli uomini c'è sempre una tasca per mettere il portafoglio, o la borsa. Questi sono simboli di un uomo che ha il potere ecc.
Nelle mie collezioni ho cercato di fare il contrario, sulle giacche da donna ho messo anche le tasche interne, dall'altra parte, così che le donne possano avere un simbolo di potere, possano pagare al ristorante ecc. È un piccolo dettaglio ma molto importante, che è molto legato alla nostra società e alla nostra vita.
Questi sono solo piccoli dettagli nell'abbigliamento.
Un altro esempio, il rapporto tra uomo e donna è ancora molto presente nei vestiti. Ho sempre cercato di dare una scossa alle cose, di mescolare un po'… Così in questa mostra ho cercato di mostrarlo.
Possiamo vedere i cambiamenti della società attraverso il cinema e la moda, l'evoluzione di una donna che prende sempre più potere e forza.

Ora c'è Wonder Woman, un'eroina moderna. E ci sono gli uomini che stanno diventando sempre più, diciamo venali, gli uomini obiettano. Ho mostrato nelle mie collezioni uomini “femminili”… assumendo il loro sex appeal. In passato era solo una donna che poteva essere un oggetto sessuale.
Quando ho fatto la mia prima sfilata di abbigliamento maschile, ho mostrato un uomo come oggetto sessuale. Volevo mostrare il contrasto, qualcosa che era tabù, le differenze in relazione al potere.

Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE
Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE

Ho fatto moda perché c'era questa nozione di spettacolo, di spettacolo. Volevo che la moda facesse questo spettacolo. Vediamo passare i modelli. Ma lo spettacolo è qualcosa di irreale, di astratto, capisci? È come un film. Ci sono i riflettori sulle modelle, un pubblico, la gente applaude se lo spettacolo gli piace. Ecco perché quando ho iniziato a fare i miei spettacoli ho chiesto alle attrici di fare il runway.
Le mie modelle hanno una tale energia, una tale personalità, che riflettono ciò che provo per le donne moderne... Le giovani donne che avevo incontrato al Palace all'epoca mi ispiravano molto, e ad alcune di loro ho chiesto di fare da modella per me. Sicuramente mi piacciono le modelle con un fisico molto diverso, che era piuttosto un po' androgino.
Per esempio ho chiesto a Edwige che era la regina dei punk francesi ea Farida Khelfa di fare da modella per me, che aveva una bellezza maghrebina assolutamente sublime. Anche il suo atteggiamento era molto diverso... l'atteggiamento è molto importante. In uno spettacolo i gesti delle modelle sono molto importanti. Rappresentano le personalità delle modelle e io a volte… è una parentesi, ma a volte invito attrici o addirittura rockstar a fare lo spettacolo. E devo dire che per loro è abbastanza difficile esprimersi solo con i gesti, con lo sguardo. È un po' come una coreografia.
Come si può esprimersi senza una parola, è molto difficile. Ho visto sempre più modelli che avevano molto da dire, che erano molto intelligenti. È ridicolo ma all'epoca... era proprio così... c'era questo tipo di “machismo”, e cercavo di dimostrare che gli uomini possono essere belli, e di tacere...
Ecco perché ora taccio! Hahaha…

Avevo il mio sogno d'infanzia… sognavo di fare moda, fare sfilate, e l'ho realizzato. Mi diverto mentre lavoro. È come divertirsi... mi piace divertirmi, rido molto.
Ah... c'è un altro film che mi ha influenzato nel mio lavoro. Un fotografo William Klein che ha realizzato un film “Chi sei Polly Maggoo?”. Questo è uno dei miei film preferiti. Mostra la moda da una prospettiva molto diversa, in modo piuttosto sarcastico e ironico.
Quindi potrei non avere sarcasmo, no, ma vedo molto bene il lato ironico della moda che può esserci. Questa è una sorta di allontanamento dallo snobismo che a volte può essere di moda. Tutto ciò mi ha sempre divertito allo stesso tempo.
Non mi sentivo affatto preoccupato da questo lato, anzi ho cercato di superare questo snobismo e di stare molto attento. Non giudico le persone dai loro vestiti, guardo e cerco di capire le persone dal loro atteggiamento, e vedo cosa c'è dentro.

Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE
Jean Paul Gaultier Cinematheque Cinemoda intervista di RUNWAY MAGAZINE

Ricordo l'ultima scena del film "Eight Women" con Catherine Deneuve e Fanny Ardant. C'è una scena di una lotta tra di loro. Il loro combattimento sembra una specie di schizzo, e non è proprio uno scontro, è anche un abbraccio.
Beh, è ​​così che volevo mostrare la vita anch'io, è così che volevo fare la sfilata, è così che ho sempre visto il runway. E questo mix tra litigio e abbraccio lo possiamo sentire attraverso i loro vestiti.
Catherine Deneuve indossava un abito Saint Laurent, e questo vestito la mostrava così bene come un “Bobo”, una donna borghese. Ha mostrato questa immagine nel film “Belle de jour”… vert discreto, segreto e politicamente corretto, e in verità con il suo universo rovesciato.
Quindi, questi film sono la corrispondenza sociale di tutti i issues nella nostra società, ed è mostrato attraverso l'abbigliamento. Possiamo dire che i vestiti non sono tutto, è la persona che li indossa che conta.
Insomma è la persona che fa muovere il capo, che dà vita a un capo di moda è l'oggetto più importante per l'osservazione e la comprensione. L'abbigliamento è fatto proprio per mostrare l'interno di una persona che li indossa. I vestiti sono fatti solo per quello. I vestiti sono primari, sono secondari… Ma i vestiti sono molto importanti, perché attraverso i vestiti possiamo comunicare. È così che sono diventati un fattore sociale molto importante.

Jean Paul Gaultier, Eleonora de Gray, Guillaumette Duplaix - RUNWAY MAGAZINE
Jean Paul Gaultier, Eleonora de Gray, Guillaumette Duplaix – RUNWAY MAGAZINE


Inserito da Cinémathèque, Parigi, Francia.