Storia della borsa - Tesori INPI

VERSIONE FRANÇAISE

Storia della borsa - Tesori INPI.

RUNWAY MAGAZINE presenta tesori INPI - innovazioni nella moda. L'Istituto Nazionale della Proprietà Industriale (INPI) esamina e issues titoli di proprietà industriale (brevetti, marchi, design e modelli) in Francia. Creato nel 1951 sotto la supervisione del Ministero dell'Economia e delle Finanze, è l'erede delle istituzioni che l'hanno preceduto dalla fine del XVIII secolo. In quanto tale, l'INPI è responsabile della gestione di questi archivi pubblici ed è così diventato una delle memorie dell'innovazione in Francia. Custodisce un ricco patrimonio, costituito da tutti i brevetti dal 18, marchi dal 1791 e design dal 1857: quasi 1910 milioni di documenti, ovvero 7.5 chilometri lineari accuratamente conservati. Frutto di generazioni di inventori, ingegneri, industriali, creatori e persino artisti, questi archivi sono di unico interesse storico e documentario e rappresentano una fonte iconografica ancora poco conosciuta.

Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Condividiamo per la prima volta gli archivi di INPI – le borse brevettate disegnate in Francia nel 1864. Si sappia che la maggior parte delle borse moderne negli USA e in Europa hanno lo stesso antenato – una borsa disegnata a Parigi, in Francia, come una prima innovazione pensata per le donne fin dal XV secolo.

Storicamente una borsa era un accessorio per gli uomini. BORSA, la più antica borsa conosciuta, risale a più di 5000 anni fa, ed era una borsa indossata da un uomo, Ötzi the Iceman, per trasportare le monete o l'oro. I primi europei usavano le borse per riporre gli effetti personali necessari per la giornata. L'abbigliamento non aveva tasche fino al XVII secolo. Indossato attaccato a una cintura, questa borsa è LA PRIMA BORSA DA UOMO DI LUSSO nella storia dell'umanità dall'inizio del 1500 è stata creata in Francia. Questa borsa aveva 18 scomparti segreti e rappresentava il simbolo di ricchezza e status per un aristocratico. Questa borsa in pelle pregiata con struttura in ferro e 18 tasche, alcune con chiusure segrete, creata per una famiglia reale francese, oggi considerata come una prima borsa di lusso e presentata al museo Tassen nei Paesi Bassi.

LA PRIMA BORSA DA UOMO DI LUSSO nella storia dell'umanità dall'inizio del 1500 è stata creata in Francia
LA PRIMA BORSA DA UOMO DI LUSSO nella storia dell'umanità dall'inizio del 1500 è stata creata in Francia

A partire dal XVI secolo in Francia, le donne indossavano spesso una fibbia decorativa in vita con una serie di catene attaccate, chiamata chatelaine. Sospesi da esso c'erano utili accessori per la casa come forbici, chiavi e strumenti da cucito. Realizzate con metalli preziosi, le chatelaines erano considerate gioielli e status symbol. Le signore del XVII e XVIII secolo preferivano portare i loro particolari in piccole borse con coulisse che erano conosciute come reticoli in Francia e "indispensabili" in Inghilterra. Usando le abilità di ricamo apprese fin dalla giovane età, le donne francesi hanno creato disegni di grande maestria e bellezza.

Storia della borsetta - Tesori INPI - Borsette francesi del 1680-1820 - Metropolitan Museum
Storia della borsetta - Tesori INPI - Borsette francesi del 1680-1820 - Metropolitan Museum

Una "borsa" è un accessorio più grande che contiene oggetti oltre la valuta, come gli oggetti personali. Il termine "borsetta" iniziò ad apparire all'inizio del 1900 negli Stati Uniti, ma in Europa venne utilizzato dalla metà del 1800. Inizialmente, era più spesso usato per riferirsi al bagaglio a mano degli uomini. Le borse da donna sono diventate più grandi e complesse durante questo periodo e il termine è stato applicato all'accessorio da quel momento. Alla fine degli anni 1860, quando la moda femminile si spostò nella direzione dell'uso di piccole borse ornamentali, che si trasformarono in borse, la moda maschile si stava muovendo in un'altra direzione.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY RIVISTA - Primo modello di borsa registrato nel 1864

Brevetto di invenzione di 15 anni n ° 1 BB depositato il 19.11.1864 da Pierre Perrier per una specie di fibbia con apertura invisibile, per borsette, borse, astucci, ecc. Archivio INPI

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY RIVISTA - Primo modello di borsa registrato nel 1864

La moderna borsa, pochette, marsupio o borsetta è nata in Inghilterra durante la rivoluzione industriale, in parte a causa dell'aumento dei viaggi in treno. Nel 1841 l'industriale di Doncaster e imprenditore dolciario Samuel Parkinson (di fama butterscotch) ordinò una serie di valigie e bauli da viaggio e insistette per una custodia da viaggio o una borsa per i dettagli di sua moglie dopo aver notato che la sua borsa era troppo piccola e fatta di materiale che non lo avrebbe fatto. resistere al viaggio. HJ Cave (Londra) ha obbligato e prodotto richiesto questo set di borse di lusso.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY RIVISTA - Primo modello di borsa registrato nel 1864

Questi sono ora in mostra nel Museo delle borse e dei borsellini ad Amsterdam. Ma HJ Cave ha continuato a vendere e pubblicizzare le borse, a causa di molti critici che hanno affermato che le donne non ne avevano bisogno e che borse di tali dimensioni e materiale pesante avrebbero "spezzato la schiena delle donne". HJ Cave smise di promuovere le borse dopo il 1865, concentrandosi invece sui bauli, sebbene continuasse a fare la strana borsa per i reali.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE - Primo modello registrato di borsa 1864

Il fondo patrimoniale dei brevetti d'invenzione e gli archivi originali coprono in gran parte il XIX secolo (1791-1901). È attraverso alcune domande di brevetto e con l'inventiva dei richiedenti che osserveremo l'evoluzione delle borse da donna nel XIX secolo. Gli inventori del XIX secolo innoveranno principalmente in termini di fermagli e soffietti per borse da donna. Ciò può essere spiegato in particolare dalla dimensione tecnica e necessariamente "nuova" delle invenzioni brevettate. Infatti, affinché un brevetto sia valido nel XIX secolo, deve essere diverso dalle invenzioni esistenti e portare qualcosa di nuovo. Fermagli e soffietti sono oggetto di invenzioni incessanti. Anche i manici delle borse sono al centro di molte attenzioni, alcune delle quali progettano proprio di rafforzare il sistema di chiusura della borsa.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE - Primo modello registrato di borsa 1864

L'aspetto pratico della borsa non è stato dimenticato, tuttavia, sono molti i brevetti di invenzione relativi alle borse da viaggio per donna. Questa particolarità rimanda al gusto sempre più prezioso per la pelletteria di lusso, come Bauli da viaggio Louis Vuitton. Questa praticità della borsa della signora è disponibile anche nei diversi usi che gli inventori stanno cercando di portare ad essa e perfetti. Troviamo così, ad esempio, una “borsa necessaria al cassetto”. Le denominazioni contemporaneamente si diversificano gli usi, vengono registrati diversi brevetti di invenzione per “shopper” o “cestini”. Aneddoticamente, è interessante notare che nel 1895 un inventore arrivò addirittura a brevettare una “camera fotografica che forma una borsa da donna”, cioè una piccola macchina fotografica nascosta in una borsetta. La fotografia è quindi destinata a tutte le mani, la pratica amatoriale è quindi in pieno svolgimento.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Brevetto di 15 anni n. 245347 depositato il 23.02.1895 da Bernard Kauffer per una Camera Fotografica che forma una borsa da donna, Archivi INPI.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Brevetto di invenzione di 15 anni n ° 188247 depositato il 21.01.1888 da Mademoiselle Fidenciana Alonso Y Portillo per un sacco e vari contenitori di specie diverse, muniti di rete o tela, con cordone piombato, utili per il commercio per il trasporto di oggetti vari, Archivio INPI.

Il XX secolo e le grandi case di pelletteria. I fondi custoditi dall'INPI coprono anche i secoli XX e XXI, è in particolare nel fondo patrimoniale Disegni e Modelli (20-1910) che troviamo alcuni modelli emblematici delle grandi case di moda e pelletteria. La protezione di un modello imprime in modo permanente l'identità di un marchio o di un creatore.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Così, nel XX secolo, furono le forme più diverse a imporsi e la borsa divenne un elemento essenziale per gli outfit tanto quanto contribuì alla fama delle grandi case. Utili ed estetici, i designer raddoppiano la loro immaginazione attorno a questo oggetto di moda e quotidiano. È così che Hermès ha introdotto per la prima volta la cerniera nelle sue borse, un sistema segnalato dagli Stati Uniti.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Modello n ° 12856 depositato il 13.08.1925 da E. Hermès per borsa in pelle con chiusure a cremagliera, Archivio INPI

Ermete. Fotografie che rappresentano 2 modelli di borse in pelle con chiusura a cremagliera. Modelli depositati il ​​5 maggio 1922 presso la Segreteria del Consiglio Paris Prud'hommes (Tessuti) al n. 6077. La pubblicità fu richiesta il 7 agosto 1925 dalla signorina Blondelet, nuova rappresentante. Il deposito fu aperto il 12 agosto 1925 per essere messo a disposizione del pubblico e del Tribunale, se necessario. Le stampe fotografiche di questi modelli, redatte dall'Ufficio Nazionale della Proprietà Industriale, furono esposte nella Sala Comunicazione dal 15 settembre 1925.

La praticità della borsa è infatti importante: la borsa deve poter contenere tutti gli effetti personali delle donne. È il caso, ad esempio, di queste borse che forniscono una posizione speciale per un ombrello, a seconda della stagione, o uno specchio.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Jaffe Freres e Wolf Company. Fotografia che rappresenta un modello di borsa di una signora chiamata "la civetta". Modello depositato il 13 ottobre 1924 presso la Segreteria del Consiglio Paris Prud'hommes (Tessuti) al n. 7856. La pubblicità fu richiesta dal depositante il 19 febbraio 1926 dal nuovo agente del Sig. René Deeppen. Il deposito fu aperto il 1 ° marzo 1926 per essere messo a disposizione del pubblico e del Tribunale, se necessario. La stampa fotografica di questo modello, redatta dall'Ufficio Nazionale della Proprietà Industriale, fu esposta nella Sala Comunicazione, dal 12 marzo 1926.

Modello n ° 13516 depositato il 13.10.1924 dalla ditta JAFFE FRERES ET WOLF per una borsa da donna “La Coquette”, Archivio INPI

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Azienda BRANDCHAFT FRERES. Fotografia raffigurante un modello di borsa da donna con ombrello e parasole. Modello depositato il 13 novembre 1928 presso la Segreteria del Tribunale del Lavoro di Parigi (Tissue Sezione) al N ° 11482. La pubblicità fu richiesta dal depositante il 4 aprile 1929. Il deposito fu aperto il 18 aprile 1929 per essere messo a disposizione del Pubblico e del Tribunale, se necessario. La stampa fotografica di questo modello, istituita dalla cura dell'Ufficio Nazionale della Proprietà Industriale, fu esposta nella Sala Comunicazione, dal 30 aprile 1929.

Modello n ° 17918 depositato il 13.11.1928 da SOCIETE BRANDCHAFT FRERES per borsa da donna con ombrello e parasole, Archivio INPI.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Non mancano la fantasia e nemmeno l'eccentricità: diversi modelli custoditi dall'INPI mostrano l'inventiva e la fantasia dei creatori.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Pierre Widmer, produttore di borse da donna. Fotografia raffigurante un modello di borsa da donna (n ° 10) inclusa in un deposito di 30 modelli. Modelli depositati il ​​17 gennaio 1930 presso la Segreteria del Consiglio Paris Prud'hommes (Tessuti) al n ° 12486. La pubblicità fu richiesta il 15 novembre 1930 dal Sig. G. Patry, nuovo rappresentante. Il deposito è stato aperto il 17 novembre 1930 per essere messo a disposizione del pubblico e del Tribunale, se applicabile. La stampa fotografica di questo modello è stata esposta nella Communication Room, dal 19 novembre 1930. N. 10 Questo modello può essere realizzato in qualsiasi materiale, qualsiasi dimensione e qualsiasi colore.

Modello n. 20134 depositato il 17.01.1930 da P. Widmer per Borsa da donna, Archivio INPI.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Madame Jane Lambert. Modello di borsetta da donna ricoperta di conchiglie di madreperla. Modello depositato il 4 maggio 1922 presso la Segreteria del Consiglio del Lavoro di Parigi (Metalli) noto come N ° 13.300. La pubblicità fu richiesta dal depositante il 4 maggio 1922. Il deposito fu aperto il 10 maggio 1922 per essere messo a disposizione del pubblico e del Tribunale, se necessario. La prova fotografica di questo modello, stabilita dalla cura dell'Ufficio Nazionale della Proprietà Industriale, fu esposta nella Sala Comunicazione, dal 27 maggio 1922. Questo modello di borsetta da donna può essere eseguito in bianco o in tutti i colori.

Modello n ° 9292 depositato il 04.05.1922 da Mme LAMBERT, nata Jane BERTRAND per una borsa da donna ricoperta di conchiglie di madreperla, Archivio INPI.

Col passare del secolo, depositanti famosi e / o sconosciuti proteggeranno le loro invenzioni ei loro modelli, alcuni iconici diventando “it-bag” come il “Pliage” della Maison Longchamp.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY RIVISTA. Maison Longchamp

Disegno n ° 951759 depositato il 22.03.1995 da Philippe Cassegrain (Maison Longchamp) per una borsa, Archivio INPI.

Storia della borsetta - Tesoro INPI di RUNWAY MAGAZINE
Storia della borsa - Tesori INPI di RUNWAY MAGAZINE

Fonti: archivi INPI.

Fotografie aggiuntive: Metropolitan Museum Archives; FREJA (1884-1886), LE MONITEUR DE LA MODE (1880-1890), LES MODES PARISIENNES (1870-1890), LA MODE FRANÇAISE (1870), LA MODE ILLUSTREE (1880).



Postato da Runway Rivista, Parigi, Francia.