Colore GIALLO - storia e valori

















Colore GIALLO - storia e valori

Colore GIALLO - storia e valori. Articolo del direttore esecutivo del RUNWAY RIVISTA Guillaumette Duplaix.

Ascolta l'articolo in inglese

Competenza nel colore
Competenza nel colore
Colore GIALLO: storia e valore
/

Scopri l'articolo in francese

Couleur Jaune Histoire et Valeurs
Couleur Jaune Histoire et Valeurs
/

Hai notato questa ambivalenza nell'interpretazione del GIALLO? È un colore primario semplice.

Dal XIX secolo il GIALLO è stato raramente citato come colore preferito, soprattutto in Francia e negli Stati Uniti.

In Europa, secondo un'indagine condotta nel 2000 in Europa e negli Stati Uniti, l'ordine di preferenza è stabilito come segue:
BLU
VERDE
RED
BLACK
BIANCO
GIALLO

Storia e simbolismo del GIALLO

Brilla! Simbolo di saggezza, gloria ... Colore del sole. Il giallo è il colore dell'ambivalenza e della contraddizione. Associato all'ottimismo e al divertimento. Ma dagli ultimi 2000 anni il GIALLO ha rappresentato anche tradimento, doppiezza e gelosia. Poiché era ampiamente disponibile, il pigmento ocra GIALLO è stato uno dei primi colori utilizzati nell'arte.

La grotta di Lascaux in Francia ha un dipinto di un cavallo giallo di 17,000 anni.
La grotta di Lascaux in Francia ha un dipinto di un cavallo giallo di 17,000 anni.

Nella Chiesa cattolica romana il GIALLO simboleggiava l'oro e la chiave d'oro del Regno dei Cieli, che Cristo diede a San Pietro.

Bandiera del Vaticano
Bandiera del Vaticano

La bandiera della Città del Vaticano ei colori del Papa sono il GIALLO e il bianco, a simboleggiare la Chiave d'Oro e la Chiave d'Argento. Il bianco e il GIALLO possono anche simboleggiare la Pasqua, la rinascita e la resurrezione. Aureole dorate segnano i Santi nei dipinti religiosi.

Bacio di Giuda, di Giotto, tra il 1304 e il 1306
Bacio di Giuda, di Giotto, tra il 1304 e il 1306

Il significato negativo di GIALLO, che simboleggia il tradimento, basato sulla storia biblica di Giuda, che era vestito di giallo, quando tradì Gesù Cristo.

Nell'Islam il colore GIALLO, il colore dell'oro, simboleggiava la saggezza.

Lord Krishna con flauto - indossa un simbolo giallo di saggezza
Lord Krishna con flauto - indossa un simbolo giallo di saggezza

Nell'induismo la divinità Krishna è solitamente raffigurata con indosso il GIALLO. GIALLO e zafferano sono anche i colori indossati dai Sadhu, o uomini santi che vagano in India. L'onnipotente e divino dio indù, Lord Ganesha o Ganpati, è per lo più vestito con un dhotar in GIALLO, popolarmente noto come pivla pitambar e considerato il più propizio.

Il colore delle vesti varia anche un po 'tra le diverse scuole di buddismo a seconda delle loro dottrine e dei coloranti. I monaci del buddismo Mahayana, praticati principalmente in Giappone, Cina e Corea, indossano GIALLO chiaro o zafferano, che spesso sono bianchi o neri.

Monaci nel buddismo Mahayana
Monaci nel buddismo Mahayana

Nelle religioni della Polinesia il GIALLO è un colore sacro, il colore dell'essenza divina. La parola “GIALLO” nelle lingue locali è la stessa del nome della pianta curcuma longa, considerata il cibo degli dei.

In Cina e in altre parti dell'Asia, il giallo è un colore di virtù e nobiltà. GIALLO ha forti associazioni storiche e culturali in Cina, dove è il colore della felicità, della gloria e della saggezza. In Cina ci sono cinque direzioni della bussola: nord, sud, est, ovest e centro, ciascuna con un colore simbolico. Il colore GIALLO simboleggia il centro. La Cina è chiamata il "Regno di Mezzo". Il palazzo dell'Imperatore era considerato il centro esatto del mondo.

Imperatore Giallo Cinese e il suo simbolo Drago Giallo
Imperatore Giallo Cinese e il suo simbolo Drago Giallo

Il leggendario primo imperatore della Cina era chiamato imperatore GIALLO.
L'imperatore cinese era letteralmente visto come il bambino celeste con ruoli sia politici che religiosi, entrambi simboleggiati dal GIALLO. Solo i membri della Famiglia Imperiale potevano indossare il GIALLO. I visitatori illustri sono stati premiati con un tappeto GIALLO, non rosso.

Durante l'antichità i romani indossavano il GIALLO per le cerimonie ufficiali. La Grecia e la repubblica romana adottarono il GIALLO, come un bel colore, un segno di ricchezza, prosperità (colore associato all'oro), fertilità, calore, luce, gioia! Purtroppo a Roma per motivi sconosciuti il ​​GIALLO si deprezza e diventa un colore evitabile. Nel teatro, ad esempio, è il colore dei liberati, dei nuovi arrivati, degli effeminati e degli ipocriti.

Dal XII secolo l'oro divenne gradualmente GIALLO “buono”, e un segno di ricchezza, bellezza, prosperità, associato al culto divino. Ma gli aspetti negativi rimangono ancora nel GIALLO: bugie, ipocrisia, tradimento… E in Francia il colore GIALLO simboleggiava i traditori.

Stella gialla Jude
Stella gialla Jude

Durante la seconda guerra mondiale, i nazisti usarono il GIALLO come colore dell'infamia costringendo gli ebrei a indossare la stella di David in questo colore. Non sono stati i primi nella storia in questa iniziativa.

Saint Louis costrinse gli ebrei a indossare una veste GIALLA in segno di tradimenti
Saint Louis costrinse gli ebrei a indossare una veste GIALLA in segno di tradimenti

Saint Louis costrinse gli ebrei a indossare una veste GIALLA in segno di tradimenti. Nel XV e XVI secolo le porte dei traditori furono dipinte di GIALLO.
Dal XIII secolo il GIALLO è una pratica costantemente imposta agli ebrei nei paesi occidentali per identificarli in mezzo ai cristiani. Puoi vedere le radici della stella GIALLA lì. La toppa GIALLA cucita al capo ha la forma di “rouelle” (un amuleto a forma di ruota, destinato a simboleggiare il sole), parallelogramma (quadrilatero con due paia di lati paralleli), stella o altro – gli usi variano a seconda la regione e l'epoca.

GIALLO e PITTORI

Imperatrice Eugenia 1854 - Franz Xaver Winterhalter
Imperatrice Eugenia 1854 - Franz Xaver Winterhalter

Franz Xaver Winterhalter (20 aprile 1805 - 8 luglio 1873) è stato un pittore e litografo tedesco, meglio conosciuto per i suoi ritratti di reali nella metà del XIX secolo. Il suo nome è stato associato al ritratto di corte alla moda.

Una giovane ragazza che legge -1776 Jean-Honoré Fragonard
Una giovane ragazza che legge (La Liseuse) -1776 Jean-Honoré Fragonard

Intorno al 1776 Jean-Honoré Fragonard dipinse "Una giovane ragazza che legge". Indossa un vestito giallo zafferano luminoso. Questo dipinto è “considerato da molti critici il più seducente e magistrale di Fragonard”.

Un disastro in mare - JMW Turner
Un disastro in mare - JMW Turner

Il pittore britannico del XIX secolo JMW Turner è stato uno dei primi in questo secolo a usare il GIALLO per creare stati d'animo ed emozioni.

Vincent Van Gogh - Casa Gialla - 1888 Amsterdam Van Gogh Museum
Vincent Van Gogh - Yellow House - 1888 Amsterdam Van Gogh Museum

Il pittore Vincent van Gogh era un particolare ammiratore del GIALLO, il colore del sole. Van Gogh è stato uno dei primi artisti a utilizzare vernici di fabbricazione commerciale, piuttosto che vernici che ha fatto lui stesso. Ha usato il tradizionale GIALLO ocra, ma anche il GIALLO cromato, prodotto nel 1809, e il GIALLO cadmio, prodotto nel 1820.

Il movimento BAUHAUS

Logo giallo del movimento Bauhaus
Logo giallo del movimento Bauhaus

Il movimento Bauhaus è stato creato nel 1919 e si è concluso nel 1933 sotto la pressione nazista. Questo movimento mirava a sintetizzare arte, design e diverse forme di tecnologia per creare oggetti funzionali. Un movimento che ha segnato il XX secolo. Johannes Itten fu il primo a progettare nel 1919 un programma educativo su colori, forme e materiali da utilizzare. Il GIALLO ha naturalmente preso il suo posto in questo movimento sotto il nome di "York Yellow".

Paul Klee - segni e colori
Paul Klee - segni e colori
Kandinsky - Giallo Rosso Blu
Kandinsky - Giallo Rosso Blu

Johannes Itten si dimise nel 1922, seguito da Paul Klee e Vassily Kandinsky che insegnavano la sincronizzazione di colori e forme. È un universo connesso di colori, forme, pieno di poesia, molteplici emozioni che è emerso dal lavoro di questi due artisti.

GIALLO e COMUNICAZIONE

The Yellow Kid - Accidenti, dev'essere la mia coscienza che sta tornando
The Yellow Kid - Accidenti, dev'essere la mia coscienza che sta tornando

Alla fine del XIX secolo, nel 1895 una nuova forma di arte popolare iniziò ad apparire sui giornali di New York: i fumetti colorati. Uno dei primi personaggi del nuovo fumetto era un umoristico ragazzo di strada di New York di nome Mickey Dugen, più comunemente noto come Yellow Kid, dalla sua camicia da notte GIALLA.

Karl Lagerfeld - Annuncio pubblicitario per giubbotti gialli
Karl Lagerfeld - Annuncio pubblicitario per giubbotti gialli

"È GIALLO, è brutto, non va d'accordo con niente, ma può salvarti la vita."
Ti ricorda qualcosa?
Questo è lo slogan ascoltato da tutti i francesi nel 2008, portato dalla sicurezza stradale francese. Il nostro eterno Karl Lagerfeld ha dato vita e successo a questa comunicazione.

Comunicare con GIALLO è delicato. Presenti qualcosa di positivo, gioia ma anche tradimento, menzogna. I "marketer" lo consigliano ai marchi per rappresentare la velocità.

GIALLO è il colore più visibile da lontano, quindi è spesso utilizzato per oggetti che devono essere visti, come camion dei pompieri, attrezzature per la manutenzione stradale, scuolabus e taxi. Viene spesso utilizzato anche per segnali di avvertimento, poiché il GIALLO indica tradizionalmente cautela, piuttosto che pericolo. Il GIALLO di sicurezza viene spesso utilizzato per informazioni sulla sicurezza e sulla prevenzione degli incidenti. Una luce GIALLA su un semaforo significa rallentare, ma non fermarsi.

Cartellino giallo arbitro
Cartellino giallo arbitro

Durante le partite di calcio l'arbitro mostra un cartellino GIALLO per indicare che un giocatore è stato ufficialmente ammonito per aver commesso un fallo o per aver perso tempo.

Taxi giallo a New York
Taxi giallo a New York

Negli USA, come in altri paesi, i taxi sono GIALLI. La pratica è iniziata a Chicago dove l'imprenditore di taxi John D. Hertz ha dipinto i suoi taxi di GIALLO, dopo aver letto un opuscolo sui colori dell'Università di Chicago, secondo il quale GIALLO è stato trovato il colore più visibile da lontano.

scuolabus giallo
scuolabus giallo

Gli scuolabus in Canada e negli Stati Uniti sono dipinti di GIALLO quasi uniformemente (spesso indicato come "scuolabus GIALLO") per motivi di visibilità e sicurezza, e gli operatori di autobus del Regno Unito come FirstGroup stanno cercando di introdurre il concetto.

Nelle regole della strada GIALLO ("Ambra" in Gran Bretagna) è un semaforo che significa "rallenta", "attenzione". È intermediail colore tra il verde (go) e il rosso (stop). Nella segnaletica ferroviaria il GIALLO è spesso il colore dei segnali di avvertimento, rallentamento e distanti.

Evoluzione del logo Kodak
Evoluzione del logo Kodak

Il primo logo Kodak apparve nel 1907. Era un badge con il nome dell'azienda "EKC" in bianco e nero posto in un cerchio. Nel 1935 furono introdotti i colori ROSSO e GIALLO. Il logo presentava la parola "Kodak" (in lettere rosse) su sfondo GIALLO. Il logo aveva la forma di un paesaggio.

Egan Bernal in maglia gialla - iconico vincitore del Tour de France
Egan Bernal in maglia gialla - iconico vincitore del Tour de France

Nel ciclismo la maglia GIALLA viene assegnata al leader di una gara. La tradizione è iniziata al Tour de France, dove il quotidiano sponsorizzante L'Auto (poi L'Équipe) è stato stampato su una caratteristica carta da giornale GIALLA.

Champagne Veuve Clicquot - Etichetta gialla - Brut Magnum
Champagne Veuve Clicquot - Etichetta gialla - Brut Magnum

Il GIALLO immediaben riconoscibile su ogni bottiglia di Brut Carte Jaune, Veuve Clicquot. Simbolo GIALLO antico più di un secolo rievoca il patrimonio della Maison, la costante ricerca dell'innovazione e l'audacia che la caratterizza.

Dal 1850 Madame Clicquot accettò di creare una prima etichetta, bianca e minimalista, convinta dei vantaggi che la Maison ne avrebbe tratto per la sua influenza mondiale. Questa è una prima rivoluzione nel mondo dello champagne, che presto ne richiederà un'altra.

Dalla metà del XIX secolo e dallo sviluppo di un cosiddetto champagne "secco" (meno zuccherino), Veuve Clicquot decise di vestire le sue bottiglie di un colore che le differenziasse dagli altri champagne: fu la nascita del GIALLO etichetta nel 1877.

Nel 1945 Veuve Clicquot Ponsardin Sec fu ribattezzata Veuve Clicquot Ponsardin Brut, diventando così l'unica Carta GIALLA che conosciamo oggi e la cui tradizione continua 140 anni dopo. Questo colore GIALLO è diventato rapidamente un codice identificativo inseparabile della Maison Veuve Clicquot.

Esistono diverse ipotesi sulla sua origine, ma una cosa è certa: Veuve Clicquot, con questa innovazione visiva, a suo tempo ha stravolto le pratiche, definendo le premesse del marketing.

RIPRODUZIONE DEL GIALLO

Cartella colori Pantone Yellow
Cartella colori Pantone Yellow

I GIALLI sono i colori con una lunghezza d'onda dominante compresa tra 573 nanometri e 584 nm, che hanno una chiarezza da media ad alta. Le lunghezze d'onda dominanti più alte sono quelle del GIALLO tendenti all'arancio, come il GIALLO dorato. Le lunghezze d'onda più corte corrispondono invece ai GIALLI tendenti al verde, come il GIALLO limone.

Colore giallo secondo lo standard AFNOR XO8-0102
Colore giallo secondo lo standard AFNOR XO8-0102

In sintesi additiva GIALLO e sfumature arancio si ottengono mescolando i colori primari rosso e verde, con una piccola quantità di blu primario se non saturi. La loro colorimetria dipende da quella delle iniziali, che variano a seconda della tecnologia utilizzata, e dalle loro esatte proporzioni.

Con uno schermo sRGB, i GIALLI secondo AFNOR X08-010 aggiungono il rosso da 0.64 a 0.91 volte.

Sintesi del colore
Sintesi del colore

Nella sintesi sottrattiva, vale a dire principalmente nella fotografia a colori e nella stampa a colori, GIALLO è uno dei tre colori primari con ciano e magenta.

Piccolo promemoria della definizione dei colori primari:
Si parla di colori “primari tra loro” se nessuno può essere riprodotto da una miscela di altri colori. Questi colori primari non sono monocromatici e coprono l'intero spettro della luce visibile.

I colori primari della sintesi sottrattiva sono diversi da quelli della sintesi additiva. Questi sono i colori ciano, magenta e giallo (CMY). Nel caso della sintesi additiva, i colori primari sono rosso, verde e blu (RGB).

Nella sintesi sottrattiva, i colori primari non sono definiti da una lunghezza d'onda. L'estensione dello spettro visibile è divisa in tre aree, corrispondenti al rosso, al verde e al blu.
I colori primari sottrattivi sono ideali per i filtri che bloccano l'area del colore complementare, lasciando passare tutto il resto.

Filtri anti inquinamento luminoso
Filtri anti inquinamento luminoso

Il filtro GIALLO blocca le luci nell'area blu, lasciando passare le luci nell'area rossa e nell'area verde.

Tavolozza dei colori Pantone
Tavolozza dei colori Pantone

Nella stampa, i tre colori primari della sintesi sottrattiva, insieme al nero, costituiscono la base della stampa in quadricromia, codificata CMYK (ciano, magenta, GIALLO, nero).

Lo standard ISO 2846, che fissa la curva di assorbimento spettrale e la trasparenza degli inchiostri per consentire una riproduzione uniforme in quadricromia, definisce con precisione il primario GIALLO.

Righello calcolatore Pickett
Righello calcolatore Pickett

Negli anni '1960, Pickett Brand ha sviluppato il righello "Eye Saver Yellow" che è stato prodotto con uno specifico colore giallo (Angstrom 5600) che riflette i raggi di lunghezza d'onda e promuove un tracciamento oculare ottimale per prevenire l'affaticamento degli occhi e migliorare la precisione visiva.

GIALLO e SOCIETÀ

Oggi GIALLO sta guadagnando terreno.

Gilets Jaunes - Gilet gialli - movimento in Francia
Gilets Jaunes - Gilet gialli - movimento in Francia

Il colore GIALLO ha fatto un ingresso sensazionale con i "gilet gialli" in Francia. Se questo GIALLO fluorescente aveva un senso è stato prima di tutto perché tutti possiedono questo giubbotto GIALLO ed è diventato lo standard ideale per le persone che rappresentano la rabbia sociale.

Personaggio principale di Pokemon Go
Personaggio principale di Pokemon Go

GIALLO è tornato anche nell'intrattenimento con i Pokémon e soprattutto con i Minion!

Pokémon Go è un gioco per cellulare in Realtà Aumentata (AR) del 2016 sviluppato da Niantic in collaborazione con The Pokémon Company per dispositivi iOS e Android. All'inizio del 2019 il gioco ha avuto oltre 1 miliardo di download in tutto il mondo e ha incassato oltre 3 miliardi di dollari.

Dopo aver creato un account di gioco, i giocatori creano e personalizzano i propri avatar. Una volta creato, un avatar viene visualizzato su una mappa in base alla posizione geografica del giocatore. Le caratteristiche sulla mappa includono "Poké Stop" e "Pokémon Palestre". Mentre i giocatori si muovono nel loro ambiente reale, i loro avatar si muovono nella mappa di gioco.

Sebbene il gioco sia gratuito, supporta gli acquisti in-app, dove i giocatori possono acquistare Poké Ball aggiuntive e altri oggetti di gioco.

Nel luglio 2017 sono state introdotte le battaglie Raid. Nel gennaio 2018, Pokémon Go ha ospitato il Primo Community Day, una nuova funzionalità mensile che aumentava il tasso di spawn di un Pokémon specifico e offriva movimenti esclusivi disponibili solo per i Pokémon catturati o evoluti durante la finestra del Community Day.

Minions
Minions

I Minions sono i personaggi di fantasia che compaiono in Cattivissimo me, iniziato nel 2010. Sono caratterizzati dal loro comportamento infantile e dal loro linguaggio unico che a volte è quasi intelligibile. Sono anche le mascotte ufficiali di Illumination, una divisione di Universal Pictures, che produce i film.

Piatto palla pantone - giallo
Piatto palla pantone - giallo

GIALLO è stato introdotto anche negli spazi di Coworking, stimolando il dinamismo.

Interiore dell'ufficio giallo
Interiore dell'ufficio giallo

GIALLO E MODA

Dio salva il dadaismo - 1912 Paul Poret
Dio salva il dadaismo - 1912 Paul Poret

Nel 1903 Paul Poiret rimosse la sottoveste e tre anni dopo il corsetto. Le sue azioni liberarono la donna da ogni limitazione fisica. Paul Poiret si è ispirato al kimono giapponese, al chitone greco e ai pantaloni larghi del Medio Oriente. Grazie alle creazioni di Paul Poiret il colore GIALLO si imporrà nella moda sotto il nome di Yolk Yellow per Paul Poiret. Secondo Paul Poiret la scelta delle sfumature di altri designer è stata noiosa, noiosa a morte… La sua citazione conferma la sua opinione: “Il raggio di sole nei miei pastelli è come una nuova alba”.

Carla Bruni per Yves St Laurent Autunno-inverno 1983-1984
Carla Bruni per Yves St Laurent Autunno-inverno 1983-1984

La camicia hawaiana

Robin Williams 1999 con la maglia delle Hawaii
Robin Williams 1999 con la maglia delle Hawaii

La camicia hawaiana è il simbolo dell'abbigliamento rilassato negli Stati Uniti. La storia della camicia hawaiana, nota anche come "camicia Aloha" inizia negli anni '1930, le camicie hawaiane iniziarono ad essere prodotte commercialmente e continuano ancora oggi.

Brad Pitt in camicia gialla hawaiana - C'era una volta a Hollywood
Brad Pitt in camicia gialla hawaiana - C'era una volta a Hollywood

Il pioniere della "Camicia Aloha" è un Waikiki di Honolulu, un commerciante cinese di nome Mr. Ellery Chun. Il signor Chun era il proprietario del famoso negozio King Smith Clothiers et Articles de Merceria. Con l'aiuto di sua sorella Ethel Chun Lum, ha iniziato a dare forma alla storia della camicia hawaiana.

Koichiro Miyamoto, alias Musa-Shiya the Shirtmaker, uno dei primi sarti di camicie delle Hawaii
Koichiro Miyamoto, alias Musa-Shiya the Shirtmaker - uno dei primi sarti di camicie hawaiani

Ethel Chun Lum realizza la prima camicia a maniche corte floreale, dai colori vivaci, composta dal tessuto del kimono. Il 15 luglio 1963 il signor Chun registrò la propria azienda con "Aloha" sotto il nome commerciale, e fu allora che iniziò a produrre camicie stampate. Allora le magliette erano estremamente popolari e vendute principalmente a residenti locali, surfisti, turisti e ragazzi amanti della spiaggia.

Franck Sinatra con la maglia delle Hawaii
Franck Sinatra in camicia hawaiana

La maglietta "Aloha" apparve per la prima volta in una pubblicità sul giornale di Honolulu il 28 giugno 1935 "Aloha Shirt" come titolo.

Elvis Presley alle Hawaii
Elvis Presley alle Hawaii

La camicia hawaiana divenne molto popolare negli anni '1940, 1959 grazie a celebrità come Elvis Presley, Franck Sinatra, Montgomery Cliff e persino Mr. Truman, Presidente degli Stati Uniti.
Oggi rimane il simbolo dell'atteggiamento rilassato negli Stati Uniti.

Harry S Truman Presidente degli Stati Uniti in camicia Hawaii
Harry S Truman Presidente degli Stati Uniti in camicia Hawaii

CONCLUSIONE

Richard Quinn Autunno-Inverno 2020-2021 Londra di RUNWAY MAGAZINE
Richard Quinn Autunno-Inverno 2020-2021 Londra di RUNWAY MAGAZINE
Eleonora de Gray, CEO e redattore capo di RUNWAY RIVISTA. Cappotto di Richard Quinn, Autunno-Inverno 2020-2021
Eleonora de Gray, CEO e redattore capo di RUNWAY RIVISTA. Cappotto di Richard Quinn, Autunno-Inverno 2020-2021

La MODA sceglie qualsiasi colore, compreso il GIALLO.

L'osservazione su questo approccio effettuata da alcuni progettisti, viene fatta con due interpretazioni:

1 °) L'uso del GIALLO senza conoscenze culturali può sicuramente risultare un fallimento.

PERCHE '?

Molti designer non conoscono il “dosaggio” o l'uso del colore GIALLO, il suo simbolismo culturale, che può influire molto negativamente sull'impressione della collezione. Un designer pensa "è così"!

2 °) La conoscenza e la comprensione del GIALLO possono aggiungere un grande valore all'impressione creativa del designer.

PERCHE '?

Quando un designer ha fatto una ricerca sul GIALLO, può usare questo colore in modo strategico e aggiungere un grande valore e aumentare le vendite se usato correttamente e con saggezza.

Amare il GIALLO è subire contraddizioni, in cambio questo colore ti farà risplendere.



Inserito da Parigi, Francia.