Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 Primo piano

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 Close-Up ultima collezione di Virgil Abloh “Louis Dreamhouse” o “Angels and Demons”. Bellissimo inno all'arte, all'immaginazione e alla magia del Mago di Oz - Virgil Abloh dell'Illinois.

Questa è probabilmente una delle collezioni più creative, audaci e audaci di Louis Vuitton di sempre. Non può diventare più creativo e potente. E c'è un altro pensiero che mi è passato per la mente. Questa esplosione creativa, con il supporto di tutti i noti cantanti rap, musicisti, poeti e attori afroamericani, sembrava una risposta allo sviluppo di Kering nella promozione dei designer di articoli contraffatti, diffondendo la pandemia di contraffazione dal 2017. Leggi la storia di Gucci (società madre Kering luxury Group), Dapper Dan e premi alla vita nell'articolo Celebrando la contraffazione – François-Henri Pinault ai CFDA Fashion Awards 2021.

Leggi la recensione della Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 raccolta QUI

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Collezione uomo Louis Vuitton di Virgil Abloh Autunno-Inverno 2022 Note della collezione

Immagina di accendere una scintilla di immaginazione che si trasforma in una fiamma eterna: una luce guida verso un nuovo mondo illuminato dalle possibilità, dove il surreale diventa reale e la fantasia si manifesta nella vita reale. Immagina di vivere il sogno. Virgil Abloh ha disegnato la collezione Autunno-Inverno 2022 di Louis Vuitton e ne ha ideato il format di presentazione.
Basandosi sul suo concept originale, l'invito – reso nei colori di un tramonto – assume la forma di due picchi: lo spirito animale della determinazione e della perseveranza. Le sue idee sono state realizzate dai team creativi e dai collaboratori con cui ha lavorato continuamente in Louis Vuitton.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Per l'Autunno-Inverno 2022 – l'ottavo capitolo del suo arco narrativo presso Louis Vuitton – il Direttore Artistico Uomo Virgil Abloh costruisce una 𝓛𝓸𝓾𝓲𝓼 Dreamhouse™ attorno a una collezione intrisa delle ideologie fondamentali della sua pratica. Un preludio cinematografico diretto da Caleb Femi immagina uno spazio metafisico di possibilità: un interno in espansione di idee, prospettive e incoraggiamento, che apre una porta al runway.

Qui, l'immaginazione prende vita in un pezzo teatrale diretto e coreografato da Yoann Bourgeois. Nella storia di formazione centrale per la premessa ispiratrice e ambiziosa di Virgil Abloh a Louis Vuitton, il suo ragazzo eroe sperimenta un rito di passaggio: un passaggio di testimone, un trionfo, una determinazione. All'interno della meravigliosa architettura della 𝓛𝓸𝓾𝓲𝓼 Dreamhouse™, il designer utilizza la chiave Boyhood Ideology® della sua filosofia: vedere il mondo con gli occhi incontaminati di un bambino. Attraverso questa lente, la membrana tra realtà e immaginazione è inesistente.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

I sogni possono diventare realtà. Eppure, per essere programmata con le nozioni di società adulte e artificiali – “alto o basso”, “bianco o nero”, “maschile o femminile” – la mente di un bambino non conosce limiti; nessun pregiudizio. L'ideologia ispira una collezione che strappa e trasmuta i codici di abbigliamento popolarmente legati agli archetipi della società - sartoria, abbigliamento sportivo, abiti - e li rappezza in modi nuovi.

Le immagini di forze naturali, soprannaturali e spirituali – tempo, magia, creazione – appaiono come raffigurazioni infantili: motivi di maghi, elementi animali, ali d'angelo, cherubini, nuvole, prese rampicanti su borse azzurre e cartoni animati del Tristo Mietitore. Le indagini sull'abbigliamento sportivo olimpico contemplano il sovrumano. Un gatto animato che porta un guinzaglio annuisce a un'idea dell'estraneo, sempre in movimento verso la prossima sfida. Il sentimento trova eco nella grafica delle api: grandi lavoratori, che passano la vita collaborando per una causa più grande; un movimento.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Attraverso materiali e tecniche, che non sono quello che sembrano, prendono forma gesti di surrealismo, astraendo il familiare e ampliando i nostri orizzonti. Attivano la nozione di Ipnovisualismo®: un'affascinante esibizione teatrale intesa a ispirare unità e compassione nello spettatore, come un cavallo di Troia per la mente™.

In un dialogo tra realismo e surrealismo, due dipinti abbelliscono gli indumenti come arazzi e stampe. Lo Studio del pittore del 1855 del realista Gustave Courbet raffigura l'artista mentre lavora su un dipinto, affiancato alla sua sinistra da persone di tutti i livelli della società francese e alla sua destra da membri dell'alta società. Applicata all'analogia Tourist vs. Purist® di Virgil Abloh, la meta presenza del dipinto all'interno della collezione unisce i suoi diversi pubblici: il Turista, che aspira a un dominio esoterico della moda e dell'arte, contro il Purista, che già lo occupa.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Souvenir d'Italie del 1914 del primo surrealista Giorgio de Chirico ritrae le linee classiche di una piazza italiana attraverso una lente misteriosa e sovversiva. Privo di tempo e contesto, il motivo è eterno e misterioso: una realtà metafisica. Parte della serie Melancholia dell'artista, in cui ha dipinto ripetutamente lo stesso quadrato e datato deliberatamente ogni opera in modo errato, la presenza del dipinto nella collezione - un readymade a sé stante - riflette i temi dell'originalità, della provenienza, del riferimento e dell'autoreferenza spesso esaminato da Virgil Abloh.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

La logica attiva un Maintainamorphosis®: il principio che le idee “vecchie” dovrebbero essere rinvigorite con valore e presentate insieme alle “nuove”, perché entrambe hanno valore uguale. Il concetto è presente in richiami al romanticismo parigino onnipresente nell'opera di Virgil Abloh da Louis Vuitton, dalle cornici dei soffitti sontuosi alla confezione dell'haute couture. Interpretati nei codici di abbigliamento inerenti alle comunità che lo hanno nutrito durante l'infanzia e la giovinezza, i capi e gli accessori assumono un carattere delicato e sognante: un omaggio alla leggerezza dell'essere.

"Un'octologia secondo Virgil Abloh." Raccolta 8: Nel grande schema delle cose

Immaginazione: la facoltà umana di formare nuove idee non già presenti ai sensi. La definizione e la ridefinizione sono fondamentali per comprendere il lavoro di Virgil Abloh in Louis Vuitton. Supportato dal suo vocabolario stagionale - "una definizione liberale di termini e spiegazione di idee" - il suo arco di otto raccolte è fondato sul desiderio di cambiare i nostri modi di vedere. Utilizzando la moda come strumento, la sua premessa sta nel decodificare i pregiudizi associati alle componenti dell'aspetto umano. Vuole ricodificare il modo in cui ci trattiamo a seconda di come ci presentiamo e ci presentiamo. Uno dei termini più usati da Virgil Abloh, immaginazione è ciò che alimenta questo sogno. È ciò che lo ha portato a Louis
Vuitton e ciò che definisce la sua eredità alla Maison.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Eseguito in otto parti tra il 2018 e il 2022, il lavoro del Direttore Artistico Uomo non si accontenta mai di immaginare nuovi abiti e accessori. Cerca di far evolvere i valori umani
con cui imbeviamo i nostri codici di abbigliamento e testiamo come essi, in quanto significanti sociali, politici e culturali, possono essere utilizzati per implementare il cambiamento oltre la moda. Spinto da quell'immaginazione, il 𝓛𝓸𝓾𝓲𝓼 Dreamhouse™ ideato da Virgil Abloh per l'Autunno-Inverno 2022 (Collezione 8) serve a condare i temi e i messaggi dell'arco che ha creato per Louis Vuitton. È un'octologia che si svolge nella tradizione de Il Viaggio dell'Eroe: la storia millenaria del perdente, che viene provato e messo alla prova, e diventa una sensazione agli occhi dei suoi spettatori.

La storia del raggiungimento della maggiore età unisce il designer al suo pubblico e consente alle generazioni future di rispecchiarsi nella sua esperienza. Alla base c'è la sua Boyhood Ideology®, la sensibilità infantile osservata in tutta la sua opera. Virgil Abloh definisce Boyhood Ideology® come la visione incontaminata di un bambino, che deve ancora essere influenzato dalle idee preconcette della società. Vuole ripristinare le nostre percezioni preordinate e ricominciare da zero dove i vestiti sono vestiti e gli esseri umani sono umani. Per cementare questa metodologia, inquadra i suoi spettacoli in un capriccio infantile: la 𝓛𝓸𝓾𝓲𝓼 Dreamhouse™ della Collezione 8, il castello gonfiabile e il fai-da-te-kite kit della Collezione 3, o l'arcobaleno runway della Raccolta 1 dove tutto ha inizio.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Eretto attraverso il Palais-Royal, l'arcobaleno è la versione di Virgil Abloh della Yellow-Brick Road al centro della storia del Mago di Oz. Nella collezione, filtra i motivi del fifilm nelle sagome hip-hop della comunità da cui è nato a Rockford, Illinois. Con implicita ironia, si rispecchia nella storia della contadina del Midwest, che viene trasportata da un tornado nella terra delle fiabe di Oz. In questo parallelo, Oz è Paris, Dorothy è Virgil e il Mago è la sua immaginazione: l'idea ricorrente di una forza onnipotente di cambiamento, rappresentata anche nella grafica del mago nella Collezione 8, o il personaggio del padre nel fifilm per la raccolta 7.

Nella sua prima campagna, per la Collezione 1, reimmagina Lo studio del pittore di Gustave Courbet del 1855 in forma fotografica. L'opera originale raffigura Courbet mentre lavora su un dipinto circondato alla sua sinistra da persone di tutti i livelli della società francese e alla sua destra da membri dell'alta società. La prospettiva contemporanea di Virgil Abloh si ritrae mentre indossa un look della collezione circondato dai membri del suo team, dalla cerchia sociale e dai modelli, ognuno vestito della collezione. Laddove la pittura di Courbet interpreta la società del "mondo reale" per gli occhi dell'élite culturale, Virgil Abloh ritrae lo scambio onnicomprensivo che definisce la sua visione per Louis Vuitton: diversità, inclusività e unità. Rivisita il dipinto per la Collezione 8, adattando l'originale in arazzi e stampe.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Dopo Il mago di Oz, doveva essere The Wiz. Ispirata all'adattamento di Oz che prevedeva un cast tutto nero, la Collection 2 stabilisce la Black Imagination che sarà alla base di ogni mossa di Virgil Abloh in Louis Vuitton. Black Imagination denota il ripensamento e il ribaltamento delle aspettative ereditate e spesso inconsce legate alle identità nere attraverso la storia. Vuole creare una coscienza nera incoraggiante per il presente e il futuro. Unendo questa premessa con la sua Boyhood Ideology®, Virgil Abloh crea un colorato gruppo di pupazzi per la Collezione 5 basandosi sui ricordi dei suoi amici quando sono scesi a Parigi per la sua prima sfilata di Louis Vuitton.

I pupazzi sembrano giocattoli, ma si ispirano alle sculture in legno dell'Africa occidentale con cui è cresciuto come figlio di immigrati ghanesi. Attraverso le raccolte 5, 6 e 7, il suo lavoro inizia a esprimere una natura più personale. La bandiera del Ghana, il tessuto Kente e le sagome dell'Africa occidentale della sua eredità sono al centro della scena. Basa il suo film per Collection 6 su Stranger in the Village di James Baldwin, esaminando l'esperienza di essere un artista nero nel luogo di nascita dell'arte europea. Dedica la raccolta 7 all'Amen Break, una pausa di batteria poco conosciuta di un lato B creata dal gruppo funk-soul The Winstons nel 1969, che sarebbe stata campionata e avrebbe continuato a sostenere i generi hip-hop e jungle, e frammentarsi in migliaia di brani pop a noi più familiari oggi.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Usa la sua piattaforma per chiarire l'influenza universale non celebrata della cultura hip-hop che lo ha nutrito. Vuole contribuire a un Black Canon: un catalogo astratto per la memoria, la ricostruzione e la conservazione della storia dell'arte nera alla pari con il modo in cui si studia e si insegna nell'arte europea. Per Virgil Abloh, documentare la sua prolifica produzione riguarda sempre i posteri: preservarla in modo che possa ispirare le generazioni future e aprire la porta che ha tenuto socchiusa per le opportunità degli altri. Con questo in mente, il tempo è essenziale. Il suo lavoro affronta spesso i temi del tempo: la durata della vita che ci viene data per fare la differenza su questa Terra.

L'invito per Collection 4 presenta un orologio che va all'indietro. Nel mezzo del set dello spettacolo surrealista adornato di nuvole si erge un albero dotato di una scala che arriva in paradiso. Il motivo è ripreso nella Collezione 8, nelle borse celesti impreziosite da prese rampicanti, nelle vignette di Grim Reaper che sparge sugli indumenti, e il kitstrutture simili a e che si trasformano in ali d'angelo a misura d'uomo. Come i suoi amati paesaggi urbani di Giorgio de Chirico, Virgil Abloh immagina una vita in cui possiamo rallentare il tempo, tornare indietro nel tempo o addirittura fermarlo.

Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE
Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023 accessori di RUNWAY MAGAZINE

Per Virgil Abloh, i limiti sono creati dall'uomo. Immagina come potrebbe essere il paradiso terrestre (Collezioni 4), interpreta i fiori come simboli della diversità umana (Collezioni 3; 8) e trova civiltà nel romanticismo parigino (Collezioni 2; 3; 8). È appassionato di surrealismo, ma il suo lavoro non è mai così passivo come l'evasione. Al centro della sua etica c'è un genuino desiderio di confrontarsi issues del mondo, e si avvicina a quel sogno con fervente pragmatismo. Quando le soluzioni razionali non sembrano rendere il mondo un posto migliore, dà una possibilità al contrario.

Per Collection 5, Virgil Abloh mette in scena una parata incantevole, quasi psichedelica e conia l'esercizio Hypnovisualism®. Un modo decisamente irrazionale di ispirare compassione nelle persone attraverso
manifestazioni allucinogene di meraviglia, è strettamente legato al suo concetto di Cavallo di Troia per la Mente™. È il suo modo di ricoprire di zucchero sociale e politico issues in strati piacevoli di ciò che lui chiama "sfumatura" - teatralità, divertimento, poesia - e consegnando i suoi messaggi più pesanti con un sorriso. Virgil Abloh vede che i vestiti possono essere usati come strumenti per il cambiamento e decide di usare ogni centimetro della sua piattaforma globale per creare qualcosa che va ben oltre il regno della "moda".

Motivi e dettagli della collezione Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023

Pronto da indossare
• Scenario di Asnières in una stampa in omaggio alla città ancestrale di Louis Vuitton, • Boro è una tecnica di cucitura giapponese utilizzata su una giacca e pantaloni in denim lavato vintage su una base di cotone stampato con motivi floreali e denim Monogram scaricato, realizzato a mano in Giappone per otto settimane.
 • La grafica dei cartoni animati ritrae forze naturali, soprannaturali e spirituali attraverso una lente infantile e include motivi come maghi, animali, cherubini, nuvole e il Tristo Mietitore.  Un gatto che porta un guinzaglio annuisce a un'idea dell'estraneo sempre in movimento verso la prossima sfida, mentre le api significano grandi lavoratori, che trascorrono la loro vita collaborando per una causa più grande; un movimento.
 • I colori oscillano tra le sfumature celestiali e romantiche del bianco, i toni tenui degli arazzi e la vibrante tavolozza dell'atletica professionale.
 • Gli abiti si presentano a tutta lunghezza con pieghe e presentano maniche in tulle e basse volant stampate le grafiche cartoon della collezione.
 • Filtraggio in sartoria avvolto in pizzo, creando una tensione tra lo sportivo e il romantico.
 • Floccaggio nelle romantiche cornici della collezione impreziosisce giacche di mussola, giacche e pantaloni di jeans.
 • Le texture del fogliame prendono ispirazione dai romantici interni parigini e si materializzano come pizzi, floccature, in tufting multicolori su una giacca di pelle e in intarsi di montone su una giacca di pelle traforata.
 • Kaftani e jellabas rappresentano una silhouette genderless e compaiono in quasi tutti i tessuti della collezione.  Il pizzo incarna il romanticismo della collezione e viene interpretato nei tessuti, attraverso intarsi su pelle traforata, e in denim jacquard.
 • La mussola strizza l'occhio al carattere romantico della collezione e riprende i tropi del guardaroba sportivo, a volte con imbottitura.
 • Olympiana rappresenta un ideale sovrumano e ispira capi basati su una varietà di uniformi di abbigliamento sportivo legate a ciclismo, triathlon, sci e nuoto.
 • I pannelli che evocano la costruzione dell'abbigliamento sportivo richiamano le divise olimpiche e compaiono nella sartoria e nell'abbigliamento da lavoro.
 • Il patchwork viene utilizzato per ritagliare capi archetipici e rimontarli in nuovi modi, come un giubbotto patchwork di t-shirt stampate in jersey e giacche di jeans.
 • I pigiami sono patchwork di tessuti stampati con motivi floreali arazzi, il motivo a quadri Damier e volute bandana.
 • Bomber imbottiti lucidi in mercurial Monogram sono realizzati in poliuretano utilizzando una tecnica ad alta frequenza.
 • Le gonne appaiono come tutù in tulle a balze con cinturini sportivi, come pouf in mix di tulle ricamato con cristalli o fili, raso e nylon, e come gonne a pieghe ampie che evocano il guardaroba delle arti marziali.
 • Souvenir d'Italie di Giorgio de Chirico del 1914 compare nell'arazzo e indica temi del tempo, della metafisica, dell'originalità e della provenienza spesso studiati nell'opera di Virgil Abloh.
 • La sartoria assume una forma statuaria con spalle forti e vita stretta che indica una silhouette olimpica e sovrumana.
 • L'arazzo appare in sartoria e presenta una delle tre immagini: Lo studio del pittore di Gustave Courbet del 1855, Souvenir d'Italie di Giorgio de Chirico del 1914 e un Gobelin floreale del XIX secolo.
 • Lo studio del pittore di Gustave Courbet del 1855 è presente negli arazzi e funge da simbolo dell'unificazione del pubblico interno e esterno di Virgil Abloh.
 • Il tie dye, motivo ricorrente nell'opera di Virgil Abloh, è interpretato su capi in denim Monogram goffrato e in montoni.
 • Superfici vellutate e vellutate compaiono in tutta la collezione, a volte come fil-cinille e lurex dévoré.
 • L'abbigliamento da lavoro è interpretato in materiali pregiati come velluto, raso e pizzo, in linea con la natura code-switching della collezione.
 kites in pizzo, tulle, popeline di cotone e tessuti trasparenti con ricami rendono omaggio all'immaginazione infantile del volo e all'idea del paradiso in terra.
 • Cappellini da baseball animali con orecchie accennano al motivo animale presente in tutta la collezione.
 • Le maschere di animali sono realizzate in feltro Monogram goffrato e pelle e ritraggono rane, cani, uccelli e leoni.
 • I passamontagna originari del ciclismo appaiono in lycra e portano le stampe della collezione.
 • I berretti da baseball sono interpretati con veli da sposa, in velluto Monogram goffrato e come berretti oversize che si atteggiano a moderni cappelli a cilindro.
 • I guanti sono ispirati a quelli usati in sport come il ciclismo e lo sci, mentre altri accennano al giardinaggio.
 • I cappelli con fiocchi sono presenti in arazzi floreali e broderie inglesi del XIX secolo.
 • Gioielli realizzati artigianalmente in smalto, strass, pietre tagliate a mano e metallo che mescola motivi animali, utensili e pipe su catene cubane; Pendenti Running Man e funghi compaiono su catene multicolori; ragni e ragnatele sono presenti negli auricolari in palladio; grandi polsini per le orecchie sono ricoperti di cristalli, che riecheggiano in orecchini e anelli regali; e il monogramma LV Storm circonda il logo in metallo della Maison in nuvole smaltate.
 • I veli drappeggiati su passamontagna e berretti da baseball evocano quelli dei matrimoni e strizzano l'occhio al romanticismo della collezione.
 Scarpe • Gli stivali barocchi compaiono in altri due stili fondati sull'alto artigianato, creati negli arazzi della collezione e completamente decorati a mano con ricami e perline.
 • Gli stivali barocchi ibridano codici formali e di combattimento e si manifestano in stivali da ranger, stivali Chelsea e derby.  Realizzate in pelle satinata o nei tessuti della collezione, presentano dettagli in stucco sulla suola.
 • Stivaletti con tacco a cubo e punta squadrata sono realizzati in pelle satinata o arazzo con suola performante.
 • Stivali al ginocchio con tacco, tacco a cubo e punta squadrata sono realizzati in pelle box con suola performante.
 • Gli stivali Polar appaiono in pelle trapuntata con interni completamente in pelliccia e dettagli in stucco su una suola completamente piatta.
 • Sneakers Skate in pelle liscia o nabuk si manifestano in grandi volumi con imbottitura e rete aperta.
 • La LV Trainer 2 è una nuova sneaker da basket in nabuk o nappa con dettagli in neoprene, in sei varianti colore.
 • L'LV Trainer si evolve in nuove varianti, come high-top e low-top in materiali tecnici, plastica e neoprene goffrato, così come i tessuti della collezione.
 Borse • Le borse Blurry Monogram oscurano il familiare motivo Louis Vuitton, mentre le forme sono distorte e distorte in linea con il surrealismo della collezione.
 • Le borse bouquet imitano quelle di un fiorista con fiori tridimensionali in pelle in Monogram avvolti in cornetti cavi in ​​pelle non apribili con stampa gazzetta e Monogram con etichette in pelle 'adesivo fiorista'.
 • Le borse da arrampicata in pelle Taurillon antracite, grigio e celeste sono impreziosite da appigli da arrampicata multicolori e rappresentano l'idea di salire in Paradiso.
 • Le borse in coccodrillo sono stampate con tie dye e gommate, oscurando il familiare.
 • Borse di paillettes a disco in grandi paillettes opache su tessuto che giocano con l'illusione ottica.
 • Le borse Damier distorte in arancione, blu e bianco distorcono il familiare motivo Louis Vuitton come un'illusione ottica.
 • Le morbide borse con paillettes sono disponibili in nero, bianco e viola e richiamano l'idea di Hypnovisualism®.
 • Le borse Fogliame sono decorate con grandi fiori tridimensionali in pelle multicolore in Monogram e rami in pelle avvolti attorno ai manici.
 • Le borse imbottite in pelle nera, bianca, grigia e viola con grandi riquadri imbottiti si ispirano all'abbigliamento sportivo protettivo delle arti marziali e includono un porta skateboard.
 • Le borse a secchiello Paint appaiono in pelle con grafiche o Monogram e manici in metallo.
 • Le borse Damier in montone fucsia e viola sono decorate con etichette in metallo.
 • Le buste in shearling appaiono in nero con grandi loghi di velocità in metallo.
 • Le borse in shearling tie dye in due varianti di colore sono caratterizzate da cinturini con fibbia sportiva ed etichette ondulate in metallo.
 • Le borse Tapestry presentano il motivo floreale ottocentesco della collezione e hanno un effetto camouflage.  La linea comprende una tazza riutilizzabile con una manica della tazza arazzo.
 • Le borse Damier trasparenti si alternano tra quadrati in PVC e quadrati in pelle in mini-Monogram.

Vedi tutti i primi piani Louis Vuitton Autunno Inverno 2022-2023



Inserito da Carreau du Temple, Parigi, Francia.