Louis Vuitton Autunno Inverno 2023-2024

Louis Vuitton Autunno Inverno 2023-2024 Abbigliamento Uomo. Storia di Eleonora de Gray, caporedattore di RUNWAY RIVISTA. Foto per gentile concessione di: Louis Vuitton.

Una storia favolosa e artistica è stata raccontata da un gruppo di creativi. Louis Vuitton mantiene questa nuova tradizione. Guarda tutti i primi piani e i dettagli di questa collezione QUI

Oh... Aspetta un attimo, anche se non era nel comunicato stampa, l'abbiamo ricevuto il giorno dopo, questa collezione è stata effettivamente realizzata da un newyorkese Colm Dillane, titolare del marchio Kid Super. Che ha anche presentato la sua collezione (più o meno) durante questa settimana della moda a Parigi. È stato davvero un "totale spettacolo di merda", come hanno detto alcuni, pieno di barzellette maleducate, crude, sporche e cattive. "C'erano battute grasse, battute sulla cocaina, battute sui gay, battute sui neri, battute sulle donne, battute sulla diversità, battute francesi, battute italiane, battute su Balenciaga e molte, soprattutto brutte battute su KidSuper". (Luke Leitch)

Qualcuno stava davvero ridendo?... Molti se ne sono andati... 1500 persone hanno aspettato per strada per più di 2 ore a -1C. Alcuni “ospiti” hanno iniziato a lanciare i mattoni contro le finestre del Casino de Paris (Teatro) dove si sarebbe dovuto svolgere lo spettacolo… È arrivata la polizia…

Shitshow e le sirene della polizia danno il benvenuto al nuovo direttore artistico di Louis Vuitton Uomo – Colm Dillane, KidSuper. Immaginiamo che ogni sfilata di Louis Vuitton d'ora in poi sarà solo un altro spettacolo di merda ubriachi, volgari, maleducati, rozzi e sporchi… Buon acquisto a tutti! Quindi questa è una nuova istituzione culturale di Louis Vuitton???!!!!

Il talento non è tutto. I valori umani sono più importanti, se c'è una scelta data. E specialmente quando si tratta di marchi di lusso.

7 Louis Vuitton Autunno Inverno 2023 2024 Abbigliamento uomo Runway Magazine

8 Louis Vuitton Autunno Inverno 2023 2024 Abbigliamento uomo Runway Magazine

9 Louis Vuitton Autunno Inverno 2023 2024 Abbigliamento uomo Runway Magazine

10 Louis Vuitton Autunno Inverno 2023 2024 Abbigliamento uomo Runway Magazine

11 Louis Vuitton Autunno Inverno 2023 2024 Abbigliamento uomo Runway Magazine

12 Louis Vuitton Autunno Inverno 2023 2024 Abbigliamento uomo Runway Magazine

Comunicato stampa

Collettivo creativo

La connettività è il catalizzatore della creatività. Louis Vuitton è guidata da una comunità di creativi, le cui individualità, talenti ed esperienze convergono nei continui dialoghi artistici che si svolgono sul suo runwayS. La Collezione Uomo Autunno-Inverno 2023 si basa su queste fondamenta nella curatela di un collettivo creativo. Progettata dal Louis Vuitton Studio Prêt-à-Porter Homme, la collezione è intrisa delle idee e dei concetti del designer americano Colm Dillane, mentre il design dello spettacolo e il suo preludio cinematografico sono diretti dai cineasti francesi Michel Gondry e Olivier Gondry. Entrano in conversazione con lo stilista della Sierra Leone Ibrahim Kamara e la direttrice creativa ucraina Lina Kutsovskaya, entrambi collaboratori di lunga data della Maison. Insieme alla cantante spagnola Rosalía, che funge da curatrice musicale e si esibisce durante lo spettacolo, il gruppo di creativi attiva una connettività fondata sui capisaldi del Louis Vuitton Studio Prêt-à-Porter Homme: la convinzione che i pilastri di Louis Vuitton – creatività, artigianato e spettacolo: hanno il potere di commuovere, connettere e unire il suo pubblico in tutto il mondo.

Crescendo

L'unità è forgiata dalla familiarità. Al centro della sfilata uomo autunno-inverno 2023 c'è la storia più riconoscibile raccontata: crescere. Storicamente radicati nella genetica artistica del Louis Vuitton Studio Prêt-à-Porter Homme, i riti di passaggio dall'infanzia all'adolescenza e all'età adulta sono circostanze che ci uniscono tutti. Nella Cour Carrée du Louvre, Michel Gondry e Olivier Gondry costruiscono una casa dei secoli in cui si svolgono le prime fasi della vita di un ragazzo. Stanza per stanza, i momenti formativi della nostra educazione - dal monumentale al quotidiano - si svolgono in scene familiari segnate da una cura musicale dal vivo di Rosalía. Sono intrisi di ricordi dell'infanzia dei fratelli Gondry: la camera da letto che hanno condiviso crescendo, l'eccitazione di decorarla e la carta da parati che hanno ricoperto di scarabocchi prima che fosse sostituita. Catturato in un preludio cinematografico che apre lo spettacolo, la loro storia culmina nell'età adulta modellata dai ricordi e dalle esperienze delle prime fasi della vita e dal bambino interiore che rimane eternamente presente.

Louis Lifewear

Collegati dalle loro esperienze condivise - dal luogo comune al cambiamento della vita - il Louis Vuitton Studio Prêt-à-Porter Homme rileva nella premessa formativa della collezione la sensazione adolescenziale di voler, o talvolta dover, crescere velocemente. L'esperienza – rievocata ogni volta che accadono eventi importanti più tardi nella vita – si materializza in una sagoma sartoriale fintamente matura che ricorda l'idea di mascolinità paterna di un giovane uomo. Liberamente fondato sui ricordi per lo più millenari dello Studio di quel look, taglia una linea squadrata ma fluida proiettata allo stesso modo nell'abbigliamento da lavoro e sportivo: una forma tradizionalmente "maschile" intrisa dello spirito del bambino interiore. I capi sono adornati da impressioni astratte dei quadri che incarnano l'aspetto sartoriale adulto, alcuni computerizzati come se fossero visti attraverso l'obiettivo degli anni '1990 del primo digitaladolescenti di nuova generazione. L'idea si evolve in schermate sfocate che decorano tutti i capi, una nozione figurativa riecheggiata in sentimenti di parole scritte riconoscibili a livello generazionale: "visione sfocata di un futuro luminoso" e "FUTURO FANTASTICO?"

Visione sfocata

Come membri della prima generazione cresciuti sulla super-connettività, il Louis Vuitton Studio Prêt-à-Porter Homme indaga e valuta l'impatto del digital età. I pensieri si riflettono in motivi, tecniche e lavorazioni su sartoria, abbigliamento da lavoro e capispalla che fanno riferimento a TV, film, cyberspazio, schermi e macchine fotografiche. Si manifesta in disegni illusori come un modello crittografico che ricorda la codifica crittografata, in un ricamo televisivo allucinatorio realizzato con perle e paillettes, o un motivo di Apple TV con rendering pixelati indistinti del frutto circondato da rumore bianco. Abiti e denim sono codificati con una fil-ciniglia altamente testurizzata che forma un'immagine ingrandita di un occhio visibile solo attraverso l'obiettivo di una fotocamera. Le immagini sfocate interpretate in jacquard evocano l'impressione di un movimento troppo veloce per essere catturato dalla fotocamera. Le grafiche su pelle richiamano i manifesti della vecchia Hollywood mentre i paesaggi di scene immaginarie di film sono realizzati in jacquard con sottotitoli in fil-coupé.

Digital impronte

L'attenzione della collezione alla generazione computerizzata e alla connessione umana innesca un'idea delle impronte che lasciamo nella vita: l'impatto che abbiamo sulle persone che ci circondano e le prove - se digital, fisico o emotivo - che documenta l'esistenza del nostro carattere e della nostra influenza. Accanto ai motivi computerizzati della collezione, lo studio si manifesta in abiti, borse e fazzoletti creati con Colm Dillane, strutturati da frammenti di pelle stampati con scansioni di lettere reali scritte dai membri dello Studio nella moltitudine di lingue delle loro nazionalità. La nozione di ciò che rimane è ulteriormente interpretata in un abito in maglia immaginato con Colm Dillane, i cui fili si dipanano punto dopo punto mentre si muove attraverso la costruzione della vita di Michel Gondry e Olivier Gondry, lasciando dietro di sé una traccia di documentazione. Cenni all'era della connettività vengono ulteriormente esplorati nelle borse fotografiche che filmano l'ambiente circostante mentre vengono trasportate lungo il runway.

Facce della vita

Pareidolia è la volontà di vedere volti illusori in oggetti ed elementi senza volto. Uno stimolo umano vitale, l'impulso è impiantato nel nostro cervello come mezzo di costante ricerca di connettività. Sia che stiamo attraversando una galleria di ritratti o scorrendo i social media, pochi elementi visivi hanno su di noi un effetto maggiore dei volti. Attingendo ai temi della collezione di collettività e connettività, il Louis Vuitton Studio Prêt-à-Porter Homme applica questa teoria a capi e accessori, proiettando occhi ingranditi - l'ultimo creatore di connessioni - attraverso la sartoria e l'abbigliamento da lavoro. Creato con Colm Dillane, il camouflage costruito da patchwork rivela i contorni dei volti in una pareidolia applicata a tailleur utility e giacche che integrano anche il logo della Maison. Le opere d'arte di volti non identificati dipinti dal designer vengono trasformate in stampe e adattate con strati astratti di Monogram su un abito, un cappotto e su scarpe e borse. Fanciulleschi e surreali, tracciano un limite alla sensibilità ritratta da Michel Gondry e Olivier Gondry nel preludio cinematografico e nell'orchestrazione dello spettacolo.

Guarda tutti i look Louis Vuitton Autunno 2023-2024 Uomo



Inserito da Louis Vuitton, Parigi, Francia.