Marchi non convenzionali

















Marchi non convenzionali della Prof.ssa Eleonora Rosati, Avvocato in Proprietà Intellettuale.

La Prof.ssa Eleonora Rosati è un avvocato italiano qualificato con esperienza in diritto d'autore, marchi, moda e diritto di internet. Professore di diritto della proprietà intellettuale, Università di Stoccolma; Direttore dell'Institute for Intellectual Property and Market Law (IFIM), Università di Stoccolma; di consiglio, uccello e uccello; Professore ospite, CEIPI-Université de Strasbourg; Visiting Professor, Universidade Católica Portuguesa; Ricercatore Associato, LegalEdhec-EDHEC Business School; Associato, CIPIL-Università di Cambridge; Editore, Journal of Intellectual Property Law & Practice (Oxford University Press); 'PermaKat', L'IPKat; Co-fondatore, Fashion Law London.

Per la prima volta questo articolo sui marchi non convenzionali è stato pubblicato nel mese di dicembre issue di Alicante News, EUIPO nel dicembre 2021. Poi è stata pubblicata un'altra versione, completata dagli esempi IPKat nel luglio 2022.

Professoressa Eleonora Rosati, avvocato in Proprietà Intellettuale sui marchi di moda non convenzionali
Professoressa Eleonora Rosati, Avvocato in Proprietà Intellettuale

Quanto è non convenzionale l'IP "non convenzionale"?

Quando pensiamo ai diversi diritti di proprietà intellettuale (PI) e a ciò che ciascuno di essi protegge, di solito ci riferiamo – ad esempio – a parole e loghi per marchi, libri e opere d'arte per copyright, un mobile o una creazione di moda per il design diritti, un farmaco o una macchina per i brevetti.

Tuttavia, la PI può anche proteggere "cose" o "oggetti" che possono essere percepiti come meno convenzionali di quelli sopra.

Quando parliamo della protezione IP disponibile, ad esempio, per suoni, o colori e motivi, forme, tatuaggi, meme e GIF, o gusti e odori, ci riferiamo a IP "non tradizionale" o "non convenzionale". Ma quanto è facile tutelare questi 'oggetti', in particolare come marchi?

TECNICA - Il Tribunale UE conferma la constatazione di parziale nullità della forma Moon Boot
TECNICA – Il Tribunale Ue conferma la constatazione di parziale nullità della forma Moon Boot

Suoni

A cominciare dai suoni, quelli che possono essere rappresentati attraverso la notazione musicale, come un jingle, possono essere protetti in linea di principio dalla legge sui marchi e sul diritto d'autore. Ma che dire di quei suoni che non possono essere rappresentati attraverso la notazione musicale, prendiamo ad esempio “la resa acustica del rintocco di un cervo" o "l'urlo del personaggio immaginario TARZAN”? Sebbene il diritto d'autore sembri per loro inaccessibile, la protezione del marchio richiede di determinare se tali suoni agiscano come indicatori di origine commerciale, ovvero, in termini tecnici, se mostrino il carattere distintivo richiesto.

Per un bel po' di tempo, soprattutto all'indomani di a sentenza seminale della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE), coloro che chiedevano la registrazione di marchi di tali suoni hanno incontrato difficoltà a soddisfare il requisito della rappresentazione grafica dei marchi. Seguendo il ultima riforma del sistema del marchio UE e una modifica dei requisiti di rappresentanza, l'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) può ricevere domande di marchio per segni rappresentati dai formati accettati. Per i marchi sonori, l'EUIPO accetta solo applicazioni che sono un file audio che riproduce il suono.

Colori, fantasie e forme

Colori e motivi, ad esempio il colori di una nota squadra di calcio o del modello utilizzati da un'iconica casa di moda, possono anche essere protetti, tra l'altro, come marchi. Oggi i requisiti di rappresentazione dei segni di colore e pattern sono stati chiariti dalla giurisprudenza e dal D.lgs Riforma del marchio UE.

Marchio senza testo, colore - Blu e scarlatto di FUTBOL CLUB BARCELONA
Marchio senza testo, colore – Blu e scarlatto di FUTBOL CLUB BARCELONA

Come le forme (ad esempio il forma della bottiglia di una bibita o il forma della confezione di una tavoletta di cioccolato), i consumatori non sempre percepiscono i colori e le fantasie come indicatori di un'origine commerciale di per sé. Il requisito fondamentale del carattere distintivo può quindi non essere sempre soddisfatto fin dall'inizio. Come per altri marchi, il carattere distintivo può tuttavia essere acquisito attraverso l'uso che viene fatto del segno e il conseguente effetto sulla percezione del consumatore.

Oltre a quanto sopra, un altro aspetto da tenere in considerazione è quello la legge vieta la registrazione di determinate forme e altre caratteristiche dei beni, ad esempio forme esclusivamente tecniche come quella di a mattoni giocattolo della nota azienda oppure forma del Cubo di Rubik, indipendentemente dal fatto che tali segni siano percepiti dai consumatori come indicatori di origine commerciale.

Marchio LV, figurativo, registrato da Louis Vuitton 1996
Marchio LV, figurativo, registrato da Louis Vuitton 1996
TOBLERONE, forma 3D, registrato da Kraft Foods Schweiz Holding GmbH 1996
TOBLERONE, forma 3D, registrato da Kraft Foods Schweiz Holding GmbH 1996
Astuccio per rossetto GUERRAIN
Astuccio per rossetto GUERRAIN
Il Tribunale ha concluso che la forma della ricorrente (Maison Guerlain) è insolita per un rossetto in quanto ricorda lo scafo di una barca o una carrozzina. In quanto tale, si differenzia da qualsiasi altra forma sul mercato.
CUBO DI RUBIK - Complicazioni del marchio - Forma del cubo di Rubik
CUBO DI RUBIK – Complicazioni del marchio – Forma del cubo di Rubik
LEGO, figurativo, registrato da LEGO Juris 1996
LEGO, figurativo, registrato da LEGO Juris 1996
LEGO Sentenza della Corte (Grande Sezione) del 14 settembre 2010. Lego Juris A/S contro Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI). Impugnazione - Regolamento (CE) n. 40/94 - Marchio comunitario - Idoneità di una forma del prodotto alla registrazione come marchio - Registrazione di un segno tridimensionale costituito dalla superficie superiore e dai due lati di un mattoncino Lego - Dichiarazione di nullità di tale registrazione su domanda di un'impresa che commercializza mattoncini giocattolo aventi la stessa forma e dimensioni - Art. 7, n. 1, lett. e), punto ii), del medesimo regolamento - Segno costituito esclusivamente dalla forma del bene necessaria per ottenere un risultato. Causa C-48/09 P.
Prodotti balsamo per labbra EOS
Prodotti balsamo per labbra EOS

Tatuaggi, meme e GIF

Passando ai tatuaggi, si tratta spesso di opere artistiche (cioè disegni) che hanno una caratteristica fondamentale: quella di essere attaccati al corpo umano. Mentre i tatuaggi sono in linea di principio tutelabili dal diritto d'autore (e potenzialmente anche dal diritto dei marchi e dei disegni e modelli!) alle stesse condizioni di qualsiasi altro tipo di lavoro, la particolarità del mezzo su cui sono impressi può dar luogo a conflitti tra i diritti di il tatuatore in relazione al proprio tatuaggio e ai diritti della persona che lo porta. Ad esempio: un tatuatore può opporsi alla riproduzione del proprio tatuaggio anche se chi lo porta ha già acconsentito all'uso della propria immagine?

Sebbene questa domanda non abbia ancora ricevuto una risposta esauriente in tutta Europa, negli Stati Uniti un tribunale di recente governato che i diritti della persona che porta il tatuaggio prevalgono sui diritti d'autore del tatuatore. In questo caso particolare, uno sviluppatore di videogiochi aveva già ricevuto il permesso da alcuni giocatori di basket di alto profilo, tra cui LeBron James, di riprodurre le loro sembianze - compresi i loro tatuaggi - negli avatar presenti nel videogioco. La sentenza ha stabilito che il permesso non era necessario anche per cancellare i diritti d'autore dei tatuatori in relazione ai tatuaggi visibili sui corpi degli atleti.

Analogamente ai tatuaggi, elementi costitutivi della cultura di Internet come i meme (gli esempi includono "Condiscendente Willy Wonka" e "Fidanzato distratto”) e le GIF sollevano anche domande ai sensi della legge sul copyright. Dal punto di vista del diritto dei marchi, vale la pena ricordare che è possibile registrare marchi di movimento come, ad esempio, il logo in movimento di una nota società di telecomunicazioni o del mossa caratteristica di uno chef.

Marchio senza testo, segno di movimento - durata sequenza cinematografica di 3 secondi, Salt Bae 2017
Marchio senza testo, segno di movimento – durata sequenza cinematografica di 3 secondi, Salt Bae 2017
Questo è un segno di movimento a colori che rappresenta una sequenza cinematografica con una durata di circa 3 secondi. Le immagini fisse nella sequenza sono distanziate di circa 0.5 secondi l'una dall'altra. Il fermo immagine iniziale della sequenza si trova nell'angolo in alto a sinistra della riga in alto e l'ultimo fermo immagine si trova nell'angolo in basso a destra della riga in basso. Il movimento procede da sinistra a destra all'interno di ogni riga, prima di passare alla riga successiva. L'intera scena si svolge in a kitchen, come risulta dalle immagini, mostra la nona foto. La scena descrive i movimenti compiuti da uno chef mentre aggiunge il sale a un pezzo di carne posizionato su una griglia posta all'altezza della sua vita. L'iniziale mostra ancora uno chef in piedi, sopra il pezzo di carne, che lo guarda. Il corpo dello chef è posto perpendicolarmente al pezzo di carne, dove il lato destro del corpo dello chef è vicino al vassoio, mentre il lato sinistro del suo corpo è distante dal vassoio. Il suo braccio destro è sopra il pezzo di carne e le dita della sua mano destra sono tutte insieme tenendo un pizzico di sale, sopra il pezzo di carne. Il suo braccio sinistro è quasi oltre il busto, mentre il suo avambraccio sinistro è a un angolo di 90 gradi rispetto al braccio sinistro. La seconda mostra ancora che lo chef ha spostato il busto avanzando leggermente con il fianco destro sul pezzo di carne. Ha alzato il braccio destro in modo tale che ora segua la linea della sua spalla, orizzontalmente sopra il vassoio contenente il pezzo di carne. Il suo avambraccio destro è posizionato verticalmente sopra il pezzo di carne, dove le sue dita - ora situate sopra e leggermente dietro il gomito destro - cospargono di sale mentre lo chef appoggia la testa sopra la spalla. Il suo braccio sinistro si è leggermente allontanato dal busto. Alambicchi terzo, quarto, quinto e sesto ricreano il movimento delle dita della mano destra dello chef al momento di cospargere di sale la carne, con la particolarità che lo chef sta fermo ad eccezione delle dita della mano destra, che fanno progredire il processo di aspersione del sale, con l'effetto naturale di aprire le dita negli ultimi due fotogrammi, lasciando che gli ultimi resti di sale cadano sul pezzo di carne, che pone fine al movimento. Il resto del corpo dello chef si muove a malapena durante il processo di aspersione della carne, mantenendo per lo più la posizione descritta nel secondo fermo. Colore nero; Bianco; D'argento; Marrone chiaro; Marrone scuro; Rosso; Rosa; D'oro; Ocra; Grigio. Marchio registrato in Spagna da D ET VE ET ÜRÜNLERI GIDA PAZARLAMA TICARET ANONIM SIRKETI nel 2017.

Sapori e odori

A differenza degli "oggetti" che sono percepiti attraverso i propri sensi meccanici (vista, udito, tatto), i gusti e gli odori sono percepiti attraverso i sensi chimici e sono, di conseguenza, altamente soggettivi: il modo in cui qualcosa odora o ha un sapore per una persona può essere diverso a come odora o sa di un'altra persona. Per questa particolarità, i gusti e gli odori possono essere protetti dalla PI?

Per quanto riguarda i marchi e il diritto d'autore, la risposta è molto simile: non è possibile beneficiare della tutela di nessuno dei due se il gusto o l'olfatto a issue non può essere identificato con sufficiente precisione e obiettività. La CGUE recentemente confermato questo in un caso riguardante la tutela del diritto d'autore del gusto di una crema spalmabile.

La strada da percorrere

Quando pensiamo ai diritti di PI, l'attenzione non può essere limitata ad argomenti "tradizionali" o "convenzionali": ciò che possiamo considerare PI "non tradizionali" o "non convenzionali" è un gruppo di "oggetti" sempre più diversificato e rilevante.

La disponibilità di diversi diritti di PI rappresenta un'opportunità per coloro che cercano di proteggere "oggetti" come quelli discussi in questo articolo. Tuttavia, poiché i diritti di PI garantiscono ai loro proprietari un monopolio, gli uffici e i tribunali di PI sono e dovrebbero continuare a essere consapevoli della necessità di bilanciare la protezione della PI con gli interessi e i diritti di terzi e del pubblico in generale. Tutto ciò richiede, tra l'altro, un esame approfondito e attento dei requisiti di protezione previsti dal diritto della PI.

Eleonora Rosati


Inserito da Parigi. Francia.