Colore VIOLA – storia e valori

Colore VIOLA – storia e valori. Articolo del Direttore Esecutivo di RUNWAY RIVISTA Guillaumette Duplaix.

Fondamentalmente, VIOLA è una miscela di due colori: ROSSO e BLU che crea una sfumatura distribuita in un cerchio cromatico tra viola e blu.

Pantone ha dichiarato il colore dell'anno 2022


PANTONE 17-3938 Molto Peri

(Pantone 17-3938TCX)

#6667ab – RVB 102 103 171 – CMJN 69% 62% 0% 0% – T 239° S 40% L 67% – Blu

Dal 2000 Pantone definisce il colore dell'anno. Concetto interessante ma non sempre seguito. Lo abbiamo osservato con il VERDE in particolare, dichiarato colore dell'anno nel 2017 ma che ha preso davvero il volo nel 2021.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 1

Storia e simbolismo del VIOLA

Isaac Newton immagina “l'esperimento cruciale”: dopo aver attraversato un primo prisma, ottiene raggi di diversi colori e direzioni, e pone al passaggio di uno di essi (il VIOLA) un secondo prisma – non c'è rifornimento di luce bianca , la luce rimane viola.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 36

Conosci la Colorimetria?

La colorimetria è una disciplina internazionale, in cui la sezione americana della Commissione internazionale per l'illuminazione è stata determinante. La colorimetria definisce rigorosamente i viola come l'esatto equivalente di "viola".

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 2

La Commissione internazionale per l'illuminazione (CIE) è un'organizzazione internazionale dedicata alla luce, all'illuminazione, al colore e agli spazi cromatici. È stata fondata a Berlino nel 1913 e attualmente ha sede a Vienna, in Austria.

Questa commissione nasce per caratterizzare razionalmente i colori della luce così come sono visti dal cervello umano. Per fare ciò, ha condotto esperimenti sistematici di confronto dei colori da molti osservatori al fine di definire un osservatore medio.

Questi esperimenti sono stati interpretati nel quadro della definizione fisica delle luci come onde elettromagnetiche contenenti lunghezze d'onda comprese tra circa 380 e 780 nanometri (miliardesimi di metro). Questo intervallo corrisponde ai diversi colori dell'arcobaleno tra viola e rosso o, più precisamente, ai colori della scomposizione della luce bianca da parte del prisma. Una lunghezza d'onda caratterizza quindi un colore puro (una tonalità in un sistema Light Saturation Hue) mentre la sua intensità luminosa ne caratterizza la luminosità o il valore.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 3

Lo standard francese "Classificazione metodica generale dei colori" distingue tra viola e viola, dove uno studio australiano del 2002 mostra che gli intervistati di lingua inglese distinguono solo un campo "Viola". Sembra che il campo di colore della parola "Viola" non sia quello del viola.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 4

L'ambiguità dei termini di colore nel campo cromatico di viola, porpora, lilla e malva è vera anche in altre lingue europee come l'inglese e lo spagnolo.

Storia di VIOLA

VIOLA ha fatto la sua prima apparizione durante l'antichità. È attestato in francese nel 1520 in una descrizione del potere e dell'orgoglio dell'imperatore Eliogabalo.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 5

Il modo migliore per ottenerlo era utilizzare una grandissima quantità di molluschi. Sono stati utilizzati circa 12,000 molluschi per creare 1.5 grammi di tintura.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 6

Fu nel XIX secolo che scoprimmo un modo meno costoso e, soprattutto, sintetico di creare PURPLE.

Nel 1856, un giovane chimico britannico di nome William Henry Perkin tentò di produrre un chinino sintetico. I suoi esperimenti produssero invece un residuo inaspettato, che si rivelò essere il primo colorante sintetico all'anilina, un colore viola intenso chiamato mauveine, o abbreviato semplicemente malva (il colorante prende il nome dal colore più chiaro del fiore di malva (malva).

William Henry Perkin sviluppò un processo industriale, costruì una fabbrica e produsse la tintura a tonnellate, in modo che quasi tutti potessero indossare il malva. Fu il primo di una serie di moderni coloranti industriali che trasformarono completamente sia l'industria chimica che la moda.

William Henry Perkins stava inizialmente lavorando a una cura per la malaria.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 7

Il Colour Directory della Society of Chrysanthemists (1905) indicava che il “Purple” degli inglesi o il “Deep purple” degli americani dovrebbero piuttosto essere chiamati “Violet pourpré”.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 8

Questa directory ha dato molte sfumature di VIOLA, con riferimenti a fiori di colori simili, e ai nomi con cui sono stati trovati in tintori e mercanti di colore.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 9

Per quanto riguarda il VIOLA, Maurice Déribéré distingue un campo ristretto alla fine dei colori dell'arcobaleno tra indaco e porpora, con una distribuzione dei campi degli altri nomi di colore molto diversa da quella conservata. Questo lavoro è stato scritto prima della pubblicazione dello standard francese, Maurice Déribéré è stato direttore della rivista Couleurs nel 1969.

La sua passione per il colore lo ha portato ad interessarsi a molteplici argomenti attorno a questo tema iniziale: ha proseguito la ricerca, in particolare, sull'influenza fisiologica della luce e del colore sull'uomo, sul ruolo del colore nelle tradizioni antiche e dell'Estremo Oriente. Ha scritto libri sui processi tecnici relativi ai colori, nonché sui colori nel mondo antico e tradizionale.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 10

VIOLA e "porpora" hanno avuto una lunga storia di associazione con la regalità, in origine perché la tintura di porpora di Tiro era estremamente costosa nell'antichità. Gli imperatori di Roma indossavano toghe viola, così come gli imperatori bizantini.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 11
Nel VI secolo a.C., Ciro il Grande, fondatore dell'Impero Persiano, fece del viola il suo colore (Immagine: WikiCommons)

Nel Medioevo il VIOLA era indossato da vescovi e professori universitari ed era spesso usato nell'arte come colore delle vesti della Vergine Maria.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 12

Nel cristianesimo in particolare, la VIOLA rappresenta l'unione tra l'Uomo e lo Spirito Santo. Rappresenta anche autorità e saggezza.

Papa Innocenzo III definì intorno al 1200 la VIOLA come distintivo di penitenza. Il colore viola è indossato da tutto il clero in abito liturgico durante i periodi di digiuno come la Quaresima natalizia o l'Avvento (4 domeniche prima di Natale) e la Quaresima.
A volte è usato dalle confraternite di penitenti per i loro cappotti.

Nelle religioni cattolica romana e anglicana è indossato anche dal vescovo in abito da coro (tonaca, camice, anello con ametista e zucchetto).

Dal XVI secolo all'inizio del XIX secolo, il colore blu-viola dei paramenti episcopali cattolici era ottenuto dalla miscela di due coloranti, indaco naturale e carminio cocciniglia. Fu solo sotto il pontificato di Pio XI che fu fissata con decreto la tonalità di VIOLA in uso presso la corte pontificia. La tonalità scelta è un viola ricco di rosso e tendente al malva.

VIOLA è stato utilizzato per l'Avvento e la Quaresima.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 13

Nella pittura cinese, il colore viola rappresenta "l'unità che trascende la dualità di Yin e yang" e "l'ultima armonia dell'universo".

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 14

Nell'induismo e nel buddismo, la VIOLA è associata al chakra della corona.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 15

La VIOLA e i PITTORI

Nel 19° secolo, poeti e pittori, simbolisti e impressionisti, apprezzavano i toni tenui del VIOLA.

Il primo VIOLA di cobalto, l'arseniato di cobalto intensamente rosso-viola, era altamente tossico. Sebbene persistesse in alcune linee di pittura fino al XX secolo, fu sostituito da composti di cobalto meno tossici come il fosfato di cobalto. Il viola cobalto apparve nella seconda metà del XIX secolo, ampliando la tavolozza degli artisti. Oggi il cobalto fosfato di ammonio, il cobalto fosfato di litio e il cobalto fosfato sono disponibili per l'uso da parte degli artisti.

Paolo Signac (1863-1935)
Il VIOLA di cobalto è stato utilizzato da questo paesaggista francese. Paul Signac ha dato vita al puntinismo.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 16
Paul Signac – Armonia

Claude Monet (1840-1926)
Pittore francese e fondatore dell'impressionismo.
Claude Monet ha dipinto soprattutto una natura controllata: il suo giardino, le sue ninfee, il suo stagno e il suo ponte. Dal 22/11 al 15/12/1900 gli viene dedicata una nuova mostra. Vi sono state presentate una decina di versioni dello stagno delle ninfee. Questa stessa mostra fu organizzata a New York nel 1901. La mostra, intitolata Les Nymphéas, serie di paesaggi acquatici, fu finalmente inaugurata il 6/04/1909. Composto da quarantotto tele datate dal 1903 al 1908.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 17

George Seurat (1859–1891)
Pittore e disegnatore francese. Fu l'inventore della cosiddetta tecnica divisionista detta anche pittura ottica o cromoluminarismo, e più comunemente puntinismo.
Georges Seurat partecipa all'ottava e ultima mostra degli impressionisti nel 1886. Seurat presenta “Una domenica pomeriggio sull'isola della Grande Jatte”.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 18

Vincent Van Gogh (1853-1890)
Vincent van Gogh (1853–1890) era un appassionato studioso della teoria del colore. Ha usato il VIOLA in molti dei suoi dipinti del 1880, compresi i suoi dipinti di iris e il cielo vorticoso e misterioso nei suoi dipinti notturni stellati, e spesso lo ha combinato con il suo colore complementare, il giallo.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 19

Henri Matisse, (1869 – 1954)
La donna dal manto viola di Henri Matisse.
Henri Matisse è stato un pittore, disegnatore, incisore e scultore francese. Figura di spicco del XX secolo, la sua influenza sull'arte della seconda metà di questo secolo è stata notevole attraverso l'uso della stilizzazione, della sintesi e del colore come unico soggetto della pittura. Era l'unificatore del fauvismo.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 20

Pablo Ruiz Picasso (1881-1973)
Busto di donna in costume viola di Pablo Picasso
Pablo Picasso è stato un pittore, disegnatore, scultore e incisore spagnolo che ha trascorso la maggior parte della sua vita in Francia.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 21

VIOLA e Comunicazione

Alcuni marchi hanno persino adottato il viola per il loro logo, come Yahoo! Milka o Fedex.

Yahoo è uno dei pionieri dei motori di ricerca online fondato nel 1994. Yahoo sta per: "Yet Another Hierarchical Officious Oracle".

Il logo si è evoluto nel corso degli anni. PURPLE è ancora lì, ma in un tono più attuale e dinamico.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 22

Milka è un marchio di cioccolato svizzero fondato nel 1901. Le origini dell'azienda ci portano in Svizzera, dove il primo cioccolato con questo nome è stato confezionato in una confezione color lilla nel 1901. Il deposito e la copertura lilla sono depositati nel 1960.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 23

Il logo FedEx è noto come uno degli esempi di maggior successo commerciale dell'uso dello spazio negativo: la notevole freccia bianca tra le lettere "E" e "X". All'epoca si trattava di un approccio rivoluzionario, grazie al quale il logo FedEx ha vinto più di 40 premi in tutto il mondo. La "freccia bianca" nel logo è stata creata da Lindon Leader. Per premere la freccia, Lindon Leader ha utilizzato due font: Univers 67 e Futura Bold.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 24

Riproduzione di VIOLA

Nella sintesi additiva PURPLE può essere prodotto utilizzando una miscela di blu e un po' di rosso:
Nel modello di colore RGB utilizzato nei monitor di computer e televisori, il VIOLA viene prodotto mescolando luce rossa e blu, con più blu che rosso.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 25

In sintesi sottrattiva è un colore difficile, a causa delle imperfezioni cumulative degli inchiostri:
Nel modello di colore CMYK utilizzato nella stampa, VIOLA viene creato con una combinazione di pigmenti magenta e ciano, con più magenta che ciano.

Anche se la miscelazione del magenta con una minore quantità di ciano dovrebbe produrre il VIOLA, i colori di quadricromia non possono produrre un VIOLA vivido.

La sintesi sottrattiva perfetta coinvolge i coloranti a blocchi, che fanno passare tutta la luce in un intervallo e bloccano completamente il colore complementare. Ma i pigmenti ciano e magenta sono molto al di sotto di questo ideale; assorbono parte della luce che dovrebbero far passare.

Il magenta assorbe il blu e un po' di rosso, mentre il ciano assorbe il verde e il blu, anche se meno del rosso.

Quando mescoliamo il magenta con il ciano, assorbiamo i colori che dovremmo trasmettere e il risultato non può essere brillante come dovrebbe essere.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 26

Il VIOLA ottenuto in quadricromia è sempre approssimativo; è più vicino al succo di ciliegia o al bordolese.

Ottenere un VIOLA vivido o intenso nella stampa richiede l'uso di inchiostri speciali. Pantone Purple e Pantone Violet offrono sfumature di puro VIOLA per questo scopo.

Esempio di differenza tra un VIOLA ottenuto in sintesi additiva e la sua simulazione in quadricromia:

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 27

Sulla sinistra c'è un RGB VIOLA saturo composto al 100% da blu e al 50% da rosso. Sulla destra c'è lo stesso VIOLA separato in quattro colori, che risulta in 51% ciano e 65% magenta. Come possiamo vedere, la separazione quadri non riesce a rendere un VIOLA puro.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 28

Il suo colore complementare è il giallo, ed è spesso l'opposto di questa tonalità che appare sui cerchi dei colori degli artisti.

VIOLA & Compagnia

Andrew Warhola, detto Andy Warhol è un artista americano (1928 – 1987) è uno dei principali rappresentanti della Pop Art. Andy Wharol ha esemplificato il famoso e il famigerato con toni sgargianti di rosso scuro, arancio, verde acqua, turchese e soprattutto VIOLA.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 31

Psychedelia

Il movimento psichedelico è apparso, accanto al movimento hippie, negli anni '1960, quando l'uso dell'LSD si è diffuso tra una popolazione giovane. Nel 1965, l'LSD fu bandito dal consumo prima negli Stati Uniti e poi in Inghilterra nel 1966. Raggiunse il suo apice di popolarità tra il 1967 e il 1969 con il rock psichedelico.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 33

Nel 1966, Timothy Leary ha inventato lo slogan: "accendi, sintonizzati, abbandona" Sotto gli effetti dell'LSD.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 32

Inizia un'era psichedelica con i suoi colori accesi ad effetto ottico. Tutte le copertine dei dischi, le locandine dei concerti dell'epoca propongono collage frenetici, colori allucinogeni.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 37

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 38

Il graphic designer Wes Wilson sta suscitando scalpore con il suo lavoro per il Filmore Auditorium di San Francisco, noto ai fan del rock di tutto il mondo.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 29

Richard Avedon, fotografo, ha prodotto un superbo ritratto ritoccato dei Beatles.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 30

L'LSD farà bene a fornire allucinazioni cariche di colori saturi, specialmente VIOLA.

VIOLA & Moda

VIOLA divenne estremamente di moda tra la nobiltà e le classi alte in Europa, soprattutto dopo che la regina Vittoria indossò un abito di seta color malva alla Royal Exhibition del 1862.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 39

Prima della scoperta di William Henry Perkin, il VIOLA era un colore che solo l'aristocrazia e i ricchi potevano permettersi di indossare.

Nel 18° secolo, il VIOLA era un colore indossato dai reali, dagli aristocratici e dai ricchi, così come da uomini e donne. Il tessuto VIOLA di buona qualità era costoso e fuori dalla portata della gente comune.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 40

A metà del XIX secolo, l'invenzione del colorante chiamato murexide, estratto dal guano, lanciò una moda per i toni del porpora, malva e violetto. Questa moda ha generato un aumento dei prezzi; da qui la ricerca chimica che portò all'invenzione del colorante all'anilina, con notevoli conseguenze industriali.

Ricorda, stavo parlando del designer Paul Poiret nel mio articolo su GIALLO. Ritroviamo anche la sua palette rivoluzionaria con il famoso “porpora cinese”, “viola gesso”.

Lane americane

Le macchine per la tessitura della lana esistono negli Stati Uniti dal XIX secolo.

L'azienda Hockanum Woolens, fondata nel 1848, ebbe un ruolo importante: iniziò disegnando tessuti di lana per le uniformi della Guerra Civile, poi abbigliamento più raffinato per uomo e donna.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 41

Dopo diversi scenari movimentati, Hockanum Woolens propone nel 1955, una collezione di lana molto elegante chiamata “Coast-to-Coast”.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 42

La linea “Cosat-to”Coast” è composta da toni decisi, i principali sono:
bellezza americana
zenzero
Dalia
opulenza viola
Epsom
Grigio antracite
blu celeste
Beige

A quel tempo, l'azienda di lana hockanum non era più solo una fabbrica ma un gruppo di marchi tessili gestiti da JP Stevens, un colosso tessile che sapeva adattarsi al mercato offrendo i colori e le trame che i clienti si aspettavano. Sotto la direzione di hockanum woolens, investe nella moda. Le sue fabbriche di tessitura producono forme strutturate di abiti femminili ispirati a Dior.

La stilista francese Lilly Daché coglierà queste tecniche e per molti anni pioverà e brillerà sul mercato della moda americana.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 43

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 45

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 44

Lo stilista Vivienne Westwood ha avuto un periodo psichedelico in cui dominavano intensi viola e viola. Negli anni 2000 proponeva ancora qualche pezzo in tartan violaceo o Principe di Galles viola. E nel 2017 è stata lei stessa a sfilare in questo ensemble VIOLA.

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 34

Colore viola Storia e valori di Guillaumette Duplaix 35

Secondo i sondaggi in Europa e negli Stati Uniti, il VIOLA è il colore che le persone associano più spesso alla stravaganza e all'individualismo, al non convenzionale, all'artificiale e all'ambiguo.

CONCLUSIONE

Per molto tempo i PURPLE hanno avuto una cattiva reputazione. Nel Medioevo, il viola veniva chiamato “subniger” (sub-nero o semi-nero) come tutti i colori scuri.

Il viola simboleggiava l'inganno e la tristezza ed era associato alla penitenza e all'afflizione. Grazie a Helmut Newton, il VIOLA è stato riconosciuto e soprattutto più confuso con il nero.

Oggi le grandi case di lusso portano nelle strade il VIOLA, questo colore molto particolare che ha attraversato i secoli con violenza e cattiva reputazione per così tanto tempo…

Eppure, noterai che è un'ombra con molta classe, eleganza, ispirata dalla sua storia. PURPLE ha trovato il suo posto nella società per questo motivo. Quando indossi il VIOLA, sei “abitato” da questo colore, diventi improvvisamente stravagante, unico.

Una tonalità che inizia in blu e finisce in rosa... Una scelta incomparabile per ogni personalità.

GUILLAUMETTE DUPLAIX – SPECIALISTA DEL COLORE – RUNWAYRIVISTE.COM



Postato da RUNWAY MAGAZINE, Parigi, Francia.